Napoli, 44 persone vaccinate per errore con AstraZeneca

Confusione in un hub della Asl Napoli 1 dov’è stato inoculato per errore il vaccino AstraZeneca a 44 persone. Quando è successo: i dettagli.

Vaccini
Getty Images

44 persone dovevano ricevere il vaccino Pfizer e invece per errore hanno avuto la dose di AstraZeneca. A raccontare l’errore che è avvenuto domenica 30 maggio nell’hub della Fagianeria di Capodimonte a Napoli è l’edizione partenopea di Repubblica.

Ma la causa dell’errore sarebbe un farmacista che ha confuso i flaconi, anziché scongelare quello made in Usa ha preso il vaccino anglo-svedese. Chi ha somministrato il vaccino era certo che si trattasse del Pfizer così come lo erano le persone che l’hanno ricevuto. Anche sul certificato è stato riportato Pfizer e la Asl Napoli 1 ora ha provveduto a contattare i diretti interessati.

I cittadini che hanno avuto la dose sbagliata hanno tra i 18 e i 38 anni ed era la prima iniezione, così si è evitato di somministrare due diverse. Ora con l’avviso da parte della Asl sapranno che anche la seconda dovrà essere Pfizer.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Asl Napoli 2, dietrofront sull’open day: niente AstraZeneca per i giovani

AstraZeneca per errore, non è la prima volta in Campania

Vaccini Napoli open day
Un hub vaccinale campano (Foto Regione Campania)

Il direttore dell’azienda sanitaria Ciro Verdolina parlando al giornale ha affermato che nessuna organizzazione o azione umana “è scevra da errori”, anche dove c’è la massima attenzione e questo fa capire quanto sia importante tenere alta la guardia.

Un episodio simile era avvenuto a maggio a Castellammare di Stabia. Una donna che in prima dose aveva ricevuto Pfizer per il richiamo le era stato inoculato AstraZeneca. Era successo nell’hub  del Moscarella e la donna, infuriata per l’accaduto, chiamò i carabinieri che riportarono la calma nella struttura.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Portici, crolla il solaio di una palazzina: due operai coinvolti

I medici furono comunque identificati dai carabinieri ma il direttore della Asl Napoli 3 Sud Gaetano D’Onofrio tranquillizzò tutti dicendo che in altri parti del mondo dove ci sono stati casi di vaccini diversi tra la prima e la seconda dose, non sono emersi effetti collaterali nocivi.