Internet down, migliaia di siti inaccessibili in tutto il mondo

Internet down, un buco enorme in tutto il pianeta riguarda prestigiosi siti come il New York Time e il governo britannico: cosa sta succedendo

urbino
Getty Images

AGGIORNAMENTO: nessun attacco hacker, come si era ipotizzato nelle scorse ore. Il provider americano Fastly ha annunciato che si è trattato soltanto di un down del server, un guasto tecnico dovuto ad una configurazione del servizio che ha causato interruzioni nei POP a livello globale. La configurazione è stata disabilitata ed i siti di tutto il mondo coinvolti sono tornati in rete.


“Error 503 Service Unavailable”. Se in queste ore sugli schermi dei pc e smartphone sta comparendo la classica e odiosa schermata non è un problema dell’operatore. Inutile imprecare contro il dispositivo o la propria rete perché è una falla che sta toccando tutto il mondo.

Risultano irraggiungibili anche i siti di prestigiosi giornali mondiali come CNN, BBC, New York Time e tanti altri, incluso il governo inglese. Secondo HDBlog, la causa del grande problema tecnico è della rete Fastly, uno dei servizi più grandi e utilizzati per le cache in tutto il mondo. Un altro errore che campeggia sugli schermi è Connection Failure.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Facebook, dura mossa contro i politici: nuove regole per tutti, cosa cambia

Internet Down, situazione in continua evoluzione

Getty Images

Per quanto riguarda i maggiori siti italiani erano stati segnalati problemi al Corriere della Sera e alla Gazzetta. Attualmente risultano raggiungibili e infatti il grande guasto tecnico sembra essere altalenante e in alcuni casi non riguarda tutto il sito ma solo alcune sezioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp più veloce con l’ultimo aggiornamento: utenti soddisfatti

Alcuni giornali, scampati al down, avevano ipotizzato che si trattasse di un attacco hacker per poi correggersi indicando come causa del problema il guasto alla rete Fastly. In pochi minuti la situazione è in continua evoluzione e mentre alcuni siti che erano offline sono tornati a lavorare normalmente. Per altri i problemi persistono e mentre scriviamo la situazione cambia rapidamente. Anche Amazon ha riscontrato problemi mentre il sito del governo britannico ora risulta di nuovo online.