Napoli, tentata rapina in una gioielleria a Chiaia: è la seconda volta in un mese

Nuova tentata rapina in una gioielleria a Napoli in via Filangieri, nel quartiere di Chiaia. La ‘Banda del Buco’ colpisce per la seconda volta in un mese.

Napoli Rapina
Torna a colpire la banda del buco (via Screenshot)

Nuova azione della banda del Buco a via Filangieri, con una rapina nella Gioielleria Baggio a Napoli, in una delle vie più rinnovate nel quartiere partenopeo. Infatti la banda ha scavato un lunghissimo buco fino all’ingresso della gioielleria, a pochi metri dall’entrata. Non è la prima volta che il locale viene preso di mira dalla banda.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Benevento, barista violenta dipendente assunta in nero: arrestato

Infatti già lo scorso 30 aprile, i criminali provarono a fare irruzione nel locale. Fortunatamente anche in quell’occasione non riuscì a portare via nulla. A metterli in fuga ci ha pensato il personale stesso, che ha segnalato l’arrivo della banda. Sul posto è servito l’intervento dei carabinieri, che hanno provveduto a fare i rilievi del caso.

Napoli, nuova rapina a Chiaia: colpita nuovamente la ‘Gioielleria Baggio’

Napoli Rapina
Intervengono i carabnieri dopo il tentato colpo (via Getty Images)

Subito dopo il tentato colpo a via Chiaia sono intervenuti anche i carabinieri. Infatti le forze dell’ordine stanno ricostruendo tutti i movimenti della banda, per scoprire quanto accaduto. Infatti con l’ausilio di una ruspa e di tecnici specializzati si sta cercando di individuare i tunnel utilizzati dai rapinatori per entrare all’interno della gioielleria. La Banda del Buco, infatti, è oramai solita cercare di fare colpo in gioiellerie, boutique e banche.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Prostituzione, scoperto giro tra Napoli e Caserta: l’operazione

Nel colpo dello scorso 30 aprile, stando alle ricostruzioni degli inquirenti, la dipendente della gioielleria si sarebbe trovata davanti uno dei rapinatori, sbucato da un muro di fronte alla parete. In qualche modo, però, la donna sarebbe riuscita a fuggire azionando l’allarme, bloccando la porta d’ingresso. Per permettere tutti i rilevamenti del caso, sul posto sono arrivati subito Carabinieri e Vigili del Fuoco che hanno ricostruito quanto accaduto.