Prostituzione, scoperto giro tra Napoli e Caserta: l’operazione

Questa mattina i carabinieri hanno scoperto un giro di prostituzione tra Napoli e Caserta. L’organizzazione, pubblicizzata online, era gestita da due donne.

Prostituzione Napoli Caserta
Operazione dei carabinieri tra Napoli e Caserta (via Screenshot)

Questa mattina i carabinieri hanno smantellato una fitta rete di prostituzione a Napoli. I responsabili della rete erano due donne. Infatti le due, a capo dell’associazione, smistavano i clienti nelle varie abitazioni. Ma non solo, infatti le due donne curavano ogni particolare degli incontri organizzati.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Campania, vaccinazioni aperte a tutti: il link per prenotarsi

Inoltre l’associazione non solo sfruttava le ragazze, ma tratteneva anche il 50% dei guadagni e pubblicizzava le performance sul web. Alle due responsabili, infatti, è contestato il reato di associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. Andiamo quindi a vedere l’operazione delle forze dell’ordine durante le prime ore del mattino.

Prostituzione, operazione tra Napoli e Caserta: due arresti

Prostituzione Napoli Caserta
L’operazione delle forze dell’ordine nel napoletano (Screenshot)

A svolgere le indagini ci hanno pensato i carabinieri del nucleo della Tenenza di Melito e coordinate dalla Procura di Napoli Nord. Inoltre durante le indagini, le forze dell’ordine hanno documentato le diverse attività del gruppo, che organizzava gli incontri in appartamenti tra Napoli e Caserta. Inoltre all’interno dell’associazione ognuno aveva un compito ben preciso.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Torre Annunziata, arrestato l’ex vicesindaco: prendeva tangenti

Infatti c’era chi si occupava dell’adescamento di clienti tramite annuncio online, fino al supporto tecnico alle prostitute per migliorare la visibilità sul web delle loro ‘offerte’. Ma non solo, infatti l’associazione forniva anche indicazioni sulle tecniche di approccio telefonico più efficaci, per cercare di aumentare le visite all’interno dei siti web. Ad attirare l’attenzione del condominio, infatti, era il continuo via vai di clienti, oggetto anche di un’assemblea condominiale.