Mondragone, caporalato nei campi: arrestati due imprenditori

Mondragone, scoperti campi con lavoratori immigrati a lavoro fino a 12 ore al giorno senza riposo settimanale a 4.50 euro all’ora

Mondragone
Foto Facebook

Nell’indagine coordinata dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere i carabinieri e i finanzieri di Mondragone, in provincia di Caserta, hanno utilizzato anche i droni per vedere cosa succedeva ne campi agricoli. Quello che è emerso è un sistema di sfruttamento con giornate di lavoro dalle 7 alle 12 ore, per sei o sette giorni a settimana, in cambio di 4,50 euro all’ora. La maggior parte dei lavoratori sfruttati era in maggioranza donne straniere.

Il Gip ha disposto il carcere per il titolare di una società che opera nel settore ortofrutticolo mentre per un imprenditore agricolo sono stati disposti i domiciliari. Provvedimenti anche per altre due persone, sottoposto all’obbligo di presentazione presso l’autorità giudiziaria. È stato anche disposto il sequestro di due aziende agricole che sono riconducibili agli indagati. Sequestrati anche denaro e beni per un valore complessivo di 1 milione e 800mila euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rapina del Casertano due anni fa, arrestato un 49 enne di Napoli

Caporalato a Mondragone, in due reclutavano lavoratori ogni giorno

Getty Images

Le due persone sottoposte a obbligo di presentazione sono imprenditori che quotidianamente reclutavano tra i tanti immigrati che vivono nel territorio persone da portare a lavorare nei campi riconducibili alla società di capitali, quasi tutti cittadini dell’Est Europa e dell’Africa.

I terreni si trovano non solo a Mondragone ma anche a Falciano del Massico. L’intermediazione dei due “caporali” è iniziata nel 2017 prelevando manodopera a bassissimo costo tra i più bisognosi. È calcolato che gli imprenditori hanno risparmiati decine di migliaia di euro con i costi del lavoro ridotti del 200% evadendo tasse, previdenza e costi per la sicurezza sul lavoro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, Reddito di Cittadinanza a camorristi: sequestrati 190mila euro

Sono decine di migliaia gli immigrati, spesso irregolari, che vivono tra Mondragone e le zone del Volturno. Un esercito di poveri prontamente fruttati da imprenditori senza scrupoli come anche altre indagini della Procura di Santa Maria Capua Vetere ha messo in evidenza.