È morta Carla Fracci, addio alla grande ballerina italiana

Carla Fracci si è spenta a 84 anni. In mattinata prima la notizia che da giorni era in grave condizioni poi la conferma della morte

Carla Fracci
Carla Fracci (Getty Images)

La regina della danza Carla Fracci è morta questa mattina a Milano. Poco prima il Corriere della Sera aveva lanciato la notizia ripresa da tutti i quotidiani che versava in grave condizioni, senza fornire ulteriori dettagli.

Poco fa è arrivata un’altra notizia, è morta a causa di un male incurabile contro il quale lottava da tempo. 84 anni, ha debuttato alla Scala di Milano (città natale) nel 1955, a diciannove anni. Da allora una carriera che l’ha portata ad essere tra le ballerine più apprezzate al mondo.

Si diplomò proprio alla Scuola di Ballo della Scala nel 1954 con Vera Volkova. In quello stesso teatro è diventata étoile e ha indissolubilmente legato il suo nome all’istituto milanese. L’ultima apparizione risale a qualche mese fa quando proprio alla Scala il 28 e 29 gennaio ha tenuto una masterclass del balletto Giselle, evento trasmesso in streaming.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Daydreamer, le anticipazioni del 27 maggio: Can fa la proposta di matrimonio

Carla Fracci, una vita per la danza in giro per il mondo

Carla Fracci nel 1970 (Getty Images)

Nel 1981 il New York Times la definì la “prima ballerina assoluta”. Con la sua eleganza nel corso della lunghissima carriera ha infatti conquistato tutto il mondo, specialmente nell’interpretazione di ruolo drammatici o romantici come Giulietta, Francesca da Rimini o Medea.

In tutti i continenti ha danzato con i più grandi partener, dai russi Rudolf Nureyev e Vladimir Vassiliev ma anche Roberto Bolle per la generazione più recente. Siccome “Carlina”, come tutti affettivamente la chiamavano, ha danzato ovunque ed è un simbolo della cultura italiana, in queste ore il suo nome sta rimbalzando in tutto il mondo dopo la diffusione della notizia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tommaso Zorzi sostituito dal programma: Mediaset l’ha già rimpiazzato

Sono tanti i riconoscimenti che ha ricevuto anche al di fuori della danza. Nel 2004 fu nominata dalla Fao, ente dell’Onu, Ambasciatrice di buona volontà. Lo scorso anno il Senato le ha conferito il premio alla carriera.