Coronavirus, il bollettino di oggi 27 maggio

Covid Italia, il bollettino coronavirus di oggi 27 maggio: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

bollettino coronavirus
Bollettino coronavirus 27 maggio

Coronavirus Italia. L’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato online il primo report sulla distribuzione delle varianti presenti nel nostro Paese. Lo studio è stato condotto sulla base di 23.170 casi di infezione, registrati dal 28 dicembre 2020 al 19 maggio 2021. Ecco quanto è emerso dal bollettino dell’ISS:

  • La variante del virus SARS-CoV-2 prevalentemente circolante in Italia è la variante VOC-202012/01 (cosiddetta variante inglese) – lignaggio B.1.1.7, caratterizzata da una elevata trasmissibilità.
  • Il lignaggio P.1 (cosiddetta variante brasiliana) ha una diffusione maggiore in alcune Regioni italiane.
  • La prevalenza di altre varianti del virus SARS-CoV-2 di interesse per la sanità pubblica è <1% nel nostro paese, ad eccezione della cosiddetta variante nigeriana (1,17%).

L’Istituto sottolinea come sia necessario continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione delle varianti del virus SARS-CoV-2. In particolare bisogna analizzare la presenza di mutazioni riconducibili ad una maggiore trasmissibilità e/o associate ad un potenziale immune escape (il processo che può portare una variante ad aggirare gli anticorpi prodotti dalla guarigione dal virus e dal vaccino).

LEGGI ANCHE –> Meteo, caldo in aumento: le previsioni fino alla fine della settimana

Il bollettino coronavirus di oggi

bollettino coronavirus
Coronavirus Italia

Il bollettino coronavirus di oggi: 4.147 contagi, 171 morti, 10.808 guariti. Nelle ultime ventiquattro ore in Italia sono 243.967 i tamponi analizzati, il tasso di positività odierno si attesta a 1,7% (+0,2%).

-72 terapie intensive | -411 ricoveri
32.368.381 dosi di vaccino somministrate in totale.

GUARDA QUI –> Spalletti in una big di Serie A: firma con il nuovo club!


Cambiare l’aria è un gesto semplice che fa bene a noi e agli altri. Aprire spesso porte e finestre negli ambienti chiusi – ricorda l’Istituto Superiore di Sanità – rallenta la trasmissione del virus Sars-CoV-2 e ci protegge da patogeni e inquinanti.