Alberto Matano, diffida per il giornalista: cosa è successo

Durante la trasmissione ‘La vita in diretta’ arriva la doccia gelata per Alberto Matano. Il conduttore non ha preso bene la notizia.

La vita in diretta
Il conduttore non ha preso bene la notizia (Screenshot)

Il noto programma La vita in diretta è solito riportare notizie di cronaca nel corso della trasmissione. Uno dei casi di cui si parlava in studio oggi riguarda Denise Pipitone, bambina scomparsa da Mazara del Vallo diciassette anni fa.

Leggi anche-> Isola dei Famosi, ultima bocciatura: la prossima puntata non andrà in onda

Il caso è ritornato prepotentemente alla ribalta dopo le ultime novità nelle indagini. Tra false piste e perquisizioni, il programma Rai si trovava sul posto con un’inviata. Ma quest’ultima non ha potuto svolgere il suo lavoro, facendo infuriare il conduttore.

La vita in diretta, cosa è successo ad Alberto Matano

La vita in diretta
Brutta notizia per il conduttore durante la diretta (profilo Instagram Alberto Matano)

Infatti è lo stesso Matano a dover dare la notizia ai suoi telespettatori. In redazione è arrivata una diffida a mandare in onda un’intervista alla zia di Gaspare Ghaleb, legato sentimentalmente in passato a Jessica Pulizzi. Il motivo consiste nella mancanza di consenso preventivo.

Non è però dello stesso avviso l’inviata in Sicilia che fornisce una versione diversa. L’intervistatrice ha precisato infatti come quelle della donna fossero dichiarazioni spontanee, senza che ci fosse stata alcuna richiesta di permesso o di consenso. La donna ha inoltre risposto alle domande senza manifestare alcun disagio o problema di alcun tipo.

La rabbia del conduttore

A quel punto Matano si è sfogato chiedendosi cosa ci fosse di male nel fare semplicemente il proprio lavoro. Da quanto dichiarato ai microfoni risulta la zia non ha visto il nipote fino alle 13 nel giorno della scomparsa, datato 1 settembre 2004. Successivamente lo avrebbe chiamato per il pranzo.

Leggi anche-> Daydreamer, le anticipazioni del 24 maggio: Sanem molla amore e lavoro

Il nome dell’uomo è tornato alla ribalta a causa della relazione sentimentale con la Pulizzi, sorellastra di Denise, che frequentava proprio diciassette anni fa. In particolare sono state vagliate le telefonate tra i due, che pare fossero molto intense nel periodo della scomparsa della bambina.