È morto Kentaro Miura, addio all’autore del manga Berserk

Si è spento Kentaro Miura che nel mondo ha venduto più di 50 milioni di copie del manga Berserk. La morte annunciata oggi risale al 6 maggio

Kentaro Miura
Kentaro Miura (foto Facebook)

L’annuncio è stato dato dalla rivista Young Animal: a soli 54 anni è morto l’autore giapponese Kentaro Miura. La causa sarebbe una dissezione aortica acuta e il decesso non risalirebbe alle ultime ore bensì lo scorso 6 maggio.

Berserk, che ha come protagonista Guts, un guerriero solitario, è stato pubblicato la prima volta 32 anni fa nel 1989 sulla rivista che oggi ha dato la notizie ed espresso gratitudine all’autore. È un fantasy oscuro ambientato in un medioevo parallelo dove il protagonista combatte per vendicare il suo maestro contro delle forze avverse.

Le prime pubblicazioni avvennero a puntate poi Berserk è stato dato al pubblico anche in volume manga. Sono oltre cinquanta milioni le copie vendute in tutto in mondo e come per ogni grande manga di successo ci sono stati adattamenti in cartoni animati, libri, film e videogiochi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Daydreamer, le anticipazioni del 20 maggio: la trovata di Can risolve tutto

Kentaro Miura, i primi manga già a 10 anni

Il personaggio di Berserk

Il manga che l’ha reso famoso in tutto il mondo è un lavoro ancora in corso. La sua improvvisa e prematura scomparsa relegherà la produzione artistica tra le opere incompiute. Era ancora bambino quando Kentaro Miura realizzò il primo manga. Nel 1976, all’età di dieci anni, per i suoi compagni di scuola disegnò Miuranger. L’anno successivo realizzò poi La via della spada e continuò a disegnare per tutta l’adolescenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> È morto Charles Gordin, l’attore di King Kong aveva 86 anni

Nel 1985 entrò nel college artistico della Nihon University sottoponendo per l’ammissione un suo lavoro che fu valutato tra i migliori. In quegli anni grazie ai romanzi e ai disegni di altri autori manga cominciò a maturare in sé l’idea del guerriero solitario che gli sarà tanto successo. In tutto il trentennio successivo accanto a Berserk ci saranno tante altre produzioni ma il suo nome nel mondo sarà quasi sempre associato a quest’opera che resterò con un punto interrogativo.