Kim Kardashian, accuse di sfruttamento: lo staff va per vie legali

Altra tegola per Kim Kardashian. La nota influencer è accusata di sfruttamento da parte del suo staff, che si tutelerà per vie legali.

Kim Kardashian
La nota influencer potrebbe affrontare una causa milionaria (Getty Images)

Dopo la fine del matrimonio con Kanye West arrivano altre grane per Kim Kardashian. Secondo il tabloid Sun alcuni suoi collaboratori sono pronti a farle causa, a seguito di alcuni comportamenti che non avrebbero rispettato le disposizioni giuslavoristiche.

Leggi anche-> Daydreamer, le anticipazioni del 19 maggio: Leyla diventa una spia

Una causa che fa il paio a quella dei lavoratori sul Sunday Service, lo show domenicale attuato dal marito con cori gospel. La lamentela riguarda il mancato inquadramento dei lavoratori, risultati come autonomi invece che dipendenti.

Kim Kardashian, le irregolarità contestate

Kim Kardashian
Le accuse provengono da membri del suo staff (Getty Images)

La richiesta di risarcimento da parte dei dipendenti è la risposta ad anni di comportamenti ritenuti irragionevoli. Una fonte ha detto al giornale che dal momento che alcuni del Sunday Service l’hanno citata, altri potrebbero intraprendere un’azione legale.

A questo si aggiunge anche un altro dettaglio riguardante l’età dei lavoratori. Alcuni di questi pare siano minori. E questo implica un interrogativo sul numero di ore lavorate: cosa che potrebbe portare ad un’altra causa per violazione per le leggi di lavoro minorile.

Anche il marito nel corso della bufera

Ma come detto anche Kanye West non se la passa bene. L’ammontare del risarcimento è quantificato sui 30 milioni di dollari. Sono coinvolti un migliaio di artisti e performer, che il rapper non avrebbe pagato come dovuto o entro i tempi stabiliti.

Leggi anche-> Sharon Stone confessa: “L’ho fatto fare anche a mia madre”

Inoltre gli vengono contestate diverse violazioni delle norme sul lavoro, che in California sono molto rigide. Sono coinvolti professionisti a vario titolo, pronti a ricercare giustizia nelle aule di tribunale. Non un bel momento per i due, che hanno divorziato dopo sette anni di matrimonio. E che non hanno ancora stabilito nei dettagli la divisione degli asset, oltre che all’affido dei quattro figli venuti alla luce nel corso degli anni.