Benevento, accoltellate due donne: fermati i responsabili

Prima la rapina in un appartamento e poi l’accoltellamento di due donne. E’ successo a Benevento, dove le forze dell’ordine hanno fermato i rapinatori.

Benevento
L’operazione in via San Antonio Abate (Getty Images)

Dopo una violenta rapina in una causa, con seguente accoltellamento di due donne, le forze dell’ordine sono riusciti a fermare due rapinatori a Benevento. I due malviventi hanno compiuto l’aggressione in via San Antonio Abate, all’interno di un appartamento. Dopo la rapina hanno tentato la fuga, ma i Carabinieri sono riusciti a fermarli dopo un lungo inseguimento. Uno dei due era un minorenne ed è stato portato in una struttura protetta.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, ennesima aggressione ai medici del 118: ambulanza danneggiata

Le due donne nonostante le subite ferite non sono in pericolo di vita. Una di queste, infatti, si è sottoposta ad un delicato intervento per da parte dei medici, che sono riuscite a salvarle la vita. Tutto era iniziato lo scorso sette aprile, intorno alle ore 22.30, quando i due complici hanno fatto irruzione in una casa di via San Antonio Abate, in pieno centro beneventano. Dopo aver compiuto la rapina, i due malviventi hanno deciso di colpire le due donne lasciandole in fin di vita per poi scappare.

Benevento, la rapina poteva finire in tragedia: l’ospedale civile San Pio salva le due vittime

Benevento
Provvidenziale l’operazione dei medici del San Pio (Getty Images)

In seguito ai colpi le donne erano state gravemente ferite, specie una di queste due ridotta in fin di vita. Provvidenziale l’intervento dell’ospedale civile San Pio, che dopo diversi interventi da parte dei medici sono riusciti a salvare la vita alla donna. I carabinieri hanno poi spiegato le due principali difficoltà nel compiere l’operazione: la mancanza di impianti di videosorveglianza e nessun testimone oculare.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, il maltempo apre una voragine al Rione Sanità: 10 famiglie sgomberate

Infatti sono state proprio le due donne in fin di vita a spiegare quanto successo ai militari. Inoltre le due donne di nazionalità cinese non avevano una buona conoscenza dell’italiano e non sono riuscite a fornire particolari dettagli agli inquirenti. Una delle due, infatti, era arrivata in Italia da pochi giorni. Nonostante tutte le difficoltà i carabinieri hanno rintracciato ed arrestato i due responsabili. Nella giornata di ieri è stato rivelato che entrambi i malviventi sono minorenni.