Denise Pipitone, lettera anonima all’avvocato: emergono nuovi indizi

Denise Pipitone, una lettera anonima indirizzata all’avvocato ha degli elementi riscontrati: cos’ha detto il legale a Chi l’ha visto?

Denise Pipitone, foto web

Il caso di Denise Pipitone continua a dare colpi di scena. Ieri in diretta televisiva c’è stata una nuova rivelazione. L’avvocato della mamma di Denise, Giacomo Frazzitta, in collegamento con la trasmissione di RaiTre Chi l’ha visto ha affermato che nel pomeriggio di ieri ha ricevuto una lettera anonima presso il proprio studio.

Nella missiva ci sono dettagli importanti ma soprattutto inediti. L’avvocato ha deciso di fare questa rivelazione perché è l’unico modo che ha per parlare con il mittente. Dopo quasi 17 anni dalla scomparsa della bambina che all’epoca aveva 4 anni, ci sarebbero quindi fatti finora mai conosciuti.

Frazzitta ha affermato che gli elementi che la lettera contiene, alcuni sono stati riscontrati. Una mano anonima quindi che potrebbe essere abbastanza credibile e che ha ricevuto un appallo dal legale: gli è stato chiesto di fare un ulteriore passo avanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ponticelli, bomba lanciata in strada: si riaccende la faida tra i due clan

Denise Pipitone, gli ultimi aggiornamenti

Denise Pipitone
Denise Pipitone in braccio alla madre (via web)

Dopo il caso della ragazza calabrese c’è ora un nuovo elemento. Nelle ultime settimane la vicenda di Denise ha impegnato le forze dell’ordine maggiormente e non sono mancati elementi nuovi e colpi di scena che potrebbero riscrivere il caso. Dalla nuova perquisizione in quella che era la casa di Anna Corona, ex moglie del padre biologico di Denise, alle dichiarazioni di Maria Angioini.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Benevento, notte di terrore per l’ex ministra De Girolamo: svaligiata la villa

Il magistrato che per prima indagò sulla scomparsa della bambina ha dichiarato nel corso della trasmissione televisiva Ore 14 di RaiDue che quando furono disposte delle intercettazioni, alcune persone coinvolte sapevano di avere il telefono sotto controllo. Pertanto la Procura della Repubblica di Marsala ha aperto un fascicolo per depistaggio.