Benevento-Cagliari, un sindaco sardo: “Cittadinanza onoraria a Mazzoleni”

Benevento-Cagliari: “A Mazzoleni cittadinanza onoraria”. Lo ha dichiaratato Ignazio Piras, il primo cittadino di Dualchi

Benevento-Cagliari Mazzoleni
Paolo Mazzoleni (Getty Images)

Non si fermano le polemiche per quanto successo in Benevento-Cagliari, la gara che ha fatto precipitare i sanniti in una situazione complicatissima in classifica, rendendo la permanenza in Serie A un’impresa ardua. Dopo gli interventi politici con tanto di interrogazione parlamentare, a gettare benzina sul fuoco ci pensa un sindaco sardo.

Ignazio Piras è il primo cittadino di Dualchi, un paesino di 600 abitati in provincia di Nuoro, e vuole conferire a Paolo Mazzoleni, il contestato arbitro al Var domenica scorsa, la cittadinanza onoraria per essere imparziale, ma non solo. Mazzoleni, che dal Var sul 1-2 per i sardi non ha concesso un presunto rigore al Benevento, viene visto con un uomo che “ha dimostrato grande coraggio, non ha ceduto ai condizionamenti ambientali e ha avuto il coraggio di certificare la realtà”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Benevento, Vigorito denuncia: “Mazzoleni ammazza le squadre del Sud”

Benevento-Cagliari, le polemiche contro Mazzoleni

Benevento-Cagliari (Getty Images)

Il post gara a Benevento è stato infuocato con il direttore sportivo dei sanniti Pasquale Foggia che faccia a faccia con l’arbitro gli ha detto di aver condizionato pesantemente la partita. La moglie del sindaco di Benevento Clemente Mastella, la senatrice Sandra Lonardo, ha addirittura presentato un’interrogazione in Parlamento.

Anche i social si sono scagliati contro l’arbitro Mazzoleni, da sempre considerato dai tifosi del Napoli poco imparziale con gli azzurri, che una settimana prima della sfida a Benevento contro il Napoli (avversario sempre il Cagliari) ha annullato un gol a Osimhen, considerato dai più regolare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Salernitana promossa in Serie A: cosa succede ora con Lotito

Infine il sindaco Piras ha affermato che al termine del campionato Mazzoleni sarà invitato presso il proprio Comune perché è il simbolo di un calcio pulito che prendere le decisioni in base a ciò che vede, senza farsi condizionare dai “padrini” che si nasconderebbero dietro le squadre di calcio.