Ischia, vaccino ai pendolari: restano aperti gli hub per i volontari

Ad Ischia prosegue alla grande la somministrazione di vaccino ai pendolari. L’Asl Napoli 2 ha deciso di mantenere gli hub aperti per tutti i volontari.

Vaccino Ischia
Uno dei box vaccinali in Campania (via Screenshot Instagram)

L’open day degli hub vaccinale ha avuto un gran successo. Prosegue la somministrazione di vaccino ai pendolari nell’isola di Ischia, con la campagna vaccinale della Regione Campania che in questa settimana si è concentrata sulle tre isole principali. Mettendo in sicurezza i tre poli turistici, il Presidente De Luca ha annunciato una campagna vaccinale a livello mondiale per le tre isole.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Bagnoli, il Lido Comunale è pericoloso: la denuncia dei cittadini

Proprio grazie alla grande campagna vaccinale ad Ischia Antonio D’Amore, direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord, afferma che per l’Isola ischitana rimarranno aperti gli hub vaccinali per tutti i volontari. Così facendo i pendolari avranno tutto il tempo per vaccinarsi contro il Covid-19. Andiamo quindi a vedere tutte le dichiarazioni di D’Amore durante il suo ultimo intervento radiofonico.

Ischia, hub aperto per i vaccini ai volontari: le parole di D’Amore

Vaccino Ischia
Le parole di Antonio D’Amore (Getty Images)

Nella giornata odierna Antonio D’Amore è intervenuto durante la trasmissione ‘Barba e Capelli’ di Radio Crc Targato Italia. Durante la trasmissione condotta da Corrado Gabriele, il direttore generale dell’Asl Napoli 2 Nord ha ricordato che durante la giornata di ieri ci sono state ben 9.700 inoculazioni. Inoltre all’interno degli hub vaccinali si respira il buon umore dei cittadini, pronti a scacciare via la pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Gragnano, indagini lampo: fermato un minorenne per tentato omicidio

Inoltre D’Amore si è scusato per le attese, ma chiede anche un pò di pazienza a tutti i cittadini campani. Infatti i medici hanno bisogno di tempo per capire il vaccino da immunizzare. Per il direttore la vera svolta ci sarà con l’accelerazione alla somministrazione di Johnson & Johnson, monodose e testato su tutte le varianti. Per questo, per accelerare le inoculazioni servirà anche il coinvolgimento di farmacisti e medici di base per raggiungere prima l’immunità di gregge.