Amadeus, chi è l’ex Marisa Di Martino e perché è finita tra loro

Amadeus, chi è l’ex moglie Marisa Di Martino: i due sono stati sposati per circa quattordici anni, prima del matrimonio con Giovanna Civitillo

Amadeus
Amadeus, il conduttore degli ultimi due Festival di Sanremo (Getty Images)

Amedeus è uno dei conduttori più amati della televisione italiana sul quale la Rai punta molto. Dalle feste in piazza al palco dell’Ariston di Sanremo. Con l’azienda di Stato lavora da anni e ha portato molti programmi al successo, da Quiz Show all’Eredita e I soliti Ignoti. Il pubblico televisivo ha seguito la sua evoluzione professionale.

La carriera gli ha anche fatto incontrare la seconda moglie, la napoletana Giovanna Civitillo, presente spesso nei suoi programmi come in occasione dell’ultimo Festival di Sanremo. La donna era una delle ballerine de L’Eredità, famosa soprattutto per la sua Scossa che ha colpito lo stesso conduttore.

Ma prima di lei c’era un’altra donna, anche lei napoletana: Marisa Di Martino. Il loro matrimonio è durato quattordici anni, dal 1993 al 2000. Hanno anche avuto una figlia, Alice, ma per motivi mai noti si sono poi lasciati. Se infatti è ben conosciuta la sua vita pubblica, quella privata resta tale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>Eleonora Boi, l’annuncio a sorpresa spiazza tutti: cosa è successo

Amadeus, cosa fa l’ex Marisa Di Martino

Amadeus
Amadeus (screen Rai)

Della vita della donna si conosce poco. Si sa solo che è estranea al mondo della spettacolo. I due si sono conosciuti che erano molto giovani e per le loro nozze c’è stato un testimone d’eccezione, anche lui noto nello spettacolo, l’amico di Amadeus Rosario Fiorello.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Noemi, chi è il marito Gabriele Grieco: tutto su di lui

Ma tra i tanti impegni lavorativi Ama ha ritrovato l’amore e proprio negli studi Rai ha conosciuto Giovanna. Nel 2009 è nato Josè Alberto, nello stesso anno in cui si sono uniti civilmente. Dopo ben dieci anni, però, c’è stato anche il rito religioso e a Roma sono saliti sull’altare per il fatidico sì.