Vaccini, Figliuolo: “AstraZeneca per gli under 60, valutazioni in corso”

Vaccini, Figliuolo all’inaugurazione di un nuovo hub vaccinale a Roma: a breve dosi anche per gli atleti alle Olimpiadi

Vaccini Coronavirus
Francesco Paolo Figliuolo, generale e commissario straordinario per l’emergenza (via social)

Nelle scorse settimane il vaccino AstraZeneca è stato molto discusso. L’indicazione arrivata dall’Ema è stata di somministrarlo solo agli over 60 ma questa mattina in occasione dell’inaugurazione dell’hub vaccinale allestito al polo acquatico a Roma, il Commissario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo ha che detto che sulla base di alcuni studi di sta valutando la possibilità di estendere il vaccino anche alla popolazione under 60.

Se ne sta discutendo con l’Aifa, l’Istituto Superiore di Sanità e il Comitato Tecnico Scientifico. Figliuolo ha ricordato che l’Ema ha consigliato di somministrare l’AstraZeneca a determinate fasce d’età ma che comunque “va bene per tutti“. L’obiettivo è quello di usare tutti i vaccini per continuare a premere sull’acceleratore della campagna vaccinale. “Se non impieghiamo tutti i vaccini il ritmo della campagna non raggiunge gli obiettivi nei tempi prefigurati“, ha detto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Procida Covid free, è la prima isola in Italia: la gioia del sindaco

Vaccini, Figliuolo: “Il 6 maggio in arrivo 2 milioni di Pfizer”

Pfizer contratto
Getty Images

Figliuolo ha anche parlato degli atleti che saranno impegnati nelle Olimpiadi a Tokyo. Per loro a breve è prevista la vaccinazione. Una scossa per fare il modo che quasi più della metà della popolazione italiana sia vaccinata durante l’estate. Sono 20 milioni i cittadini che hanno ricevuto la dose, ha affermato, e il 6 maggio arriveranno altre 2 milioni di dose Pfizer. Per quella data l’obiettivo è inoculare il vaccino ad altre quattro milioni di persone, un numero davvero elevato in tre giorni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino di oggi 2 maggio

Intanto dal bollettino giornaliero continuano ad arrivare buone notizie. Gli effetti dei vaccini cominciano a far sentire così come le misure. Ieri i morti sono stati 144, il numero più basso negli ultimi sette mesi mente i nuovi casi sono stati 9.148. È salito però il tasso di positività passando dal 3,4% del giorno precedente al 5.8%.