Campania senza vaccini, De Luca richiama il Governo: “Scandalo nazionale”

Il presidente De Luca ha fatto il punto sulla situazione coronavirus e vaccini in Campania. “È uno scandalo nazionale” tuona il governatore da Mondragone.

Campania vaccini
Il presidente De Luca incontra la stampa

Da Mondragone il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca torna ad evidenziare la scorretta distribuzione dei vaccini. La Campania continua ad avere 207 mila dosi di vaccino in meno: il criterio ‘un abitante, un vaccino’ non è stato rispettato dal commissario Figliuolo. Il governatore ha aperto il suo discorso alla stampa presente nel Comune casertano: “La prima notizia da dare è questa. Ricordiamo sempre che in Campania abbiamo 15mila dipendenti in meno nella sanità e tutto quello che si fa per l’epidemia Covid viene fatto avendo un apparato di 15mila unità lavorative in meno rispetto all’Emilia Romagna, al Veneto, la metà dei dipendenti che ha la Lombardia.
Dico questo per rendere onore a migliaia di nostri dipendenti della sanità pubblica, che stanno dando una prova straordinaria di impegno”.

LEGGI ANCHE –> De Luca replica a Draghi: risposta durissima in difesa della Campania!

Campania senza vaccini: De Luca richiama il Governo

Campania vaccini
Vaccini Covid in Campania.

Il presidente della Campania non si è fermato e ha proseguito evidenziando due dati ritenuti importanti per la Regione:

  • La Campania ha il dato più basso di occupazione delle terapie intensive e il numero minore di decessi Covid (in relazione alla popolazione);
  • ad oggi la Campania ha ancora 207.000 vaccini in meno rispetto alla popolazione. Per questo motivo – afferma De Luca – in questo momento il vero problema è avere la disponibilità dei vaccini per accelerare nella campagna di immunizzazione.

LEGGI ANCHE –> Procida prima isola Covid free: vaccinazione di massa e turismo

In conclusione del suo discorso, la stoccata al Governo: “È uno scandalo nazionale di cui nessuno parla. Incredibilmente nella Regione a più alta densità abitativa d’Italia, sottraggono a 207.000 cittadini campani il vaccino a cui hanno diritto”.