Castel Volturno, scarichi illegali nei Regi Lagni: sequestrato allevamento

Castel Volturno, scarichi illegali nei Regi Lagni: i carabinieri della forestale di Marcianise hanno scoperto degli illeciti ambientali

I carabinieri sequestrano allevamento equino a Castelvolturno (foto Facebook)

Ancora inquinamenti in Campania. Questa mattina i carabinieri della forestale di Marcianise hanno portato a compimento un’operazione finalizzata al contrasto dei Regi Lagni che sfocia nel Tirreno attraverso il territorio del Comune di Castel Volturno. Il Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nel Casertano, ha ordinato un sequestro preventivo di un allevamento di cavalli nel comune di San Tammaro, in località Carditello.

L’azienda equina fa capo alla Pike Bube srl e al suo legale rappresentante, N. S., un 49enne di Marcianise. Le indagini dei carabinieri hanno evidenziato varie attività illecite: acque meteoriche provenienti dalle pluviali delle stalle collettate insieme così come le acque di dilavamento del piazzale, quelle reflue provenienti dai lavaggio, acque di sgrondo della concimaia e dei capannoni di allevamento di animali e gli scarichi dei bagni delle stalle provenienti da 4 condotte. Tutte insieme venivano incanalate in un fosso di scolo scaricando in un canale che va direttamente nei Regi Lagni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Suicidio assistito, assolti Marco Cappato e Mina Welby: la sentenza

Castel Volturno, sequestro allevamento: danni anche alle falde acquifere

Foto Facebook

I carabinieri hanno anche accertato altri illeciti. Lo scarico di liquami zootecnici e reflui avveniva illecitamente sul terreno, senza alcun sistema di filtro e raccolto. Così si mischiavano letame e paglia per un volume di 6000 mc. Danni anche alle falde acquifere della zona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, blitz contro il clan Sibillo: 21 arresti e altarini rimossi

Accanto ai carabinieri della forestale di Marcianise anche l’Istituto Zooprofilattico di Portici e l’Arpac che hanno supportato i militari nella raccolta dei dati e le analisi. Tra le violazioni anche l’assenza di documentazione che regolasse l’utilizzazione agronomica degli effluenti zootecnici.