Terrorismo, arrestato nel Casertano complice della strage di Nizza

Terrorismo, arrestato nel Casertano, a Sparanise, Endri Elezi. Il complice della strage del 14 luglio 2016 era in compagnia di un bambino

Terrorismo
Strage di Nizza (Getty Images)

È stato individuato e arrestato a Sparanise, in provincia di Caserta, il complice della strage avvenuta sul lungomare di Nizza il 14 luglio 2016 che costò la vita a 86 persone. Tra loro c’erano anche sei italiani.

Si chiama Endri Elezi, 26enne di origini albanese. Su di lui pendeva un mandato d’arresto europeo. L’accusa è di aver fornito aiuto a Mohamed Lahouaiej Bouhlel, l’autore della strage. È stato bloccato in strada mentre era in compagnia di un bambino (probabilmente il figlio avuto con la compagna) e altri connazionali.

Ad eseguire l’arresto gli uomini della Digos di Napoli e di Caserta. Il raggiungimento di questo risultato è stato possibile grazie alle informazioni fornite dall’Antiterrorismo. L’uomo risulta che stanziava nel paese casertano da poco tempo ma gli uomini della Digos sono riusciti a individuarlo anche se usava delle precauzione. Aveva infatti cercato di ‘confondersi’ con la popolazione senza mai andare in moschea.

Proprio perché non era mai stato visto prima, gli agenti della Digos hanno posto l’attenzione su di lui. Quando si sono accertati che si trattava della persona ricercata è scattata l’operazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giugliano, festa in un bar che doveva essere chiuso: sanzionati in sette

Terrorismo, si continua a indagare per scovare altri fiancheggiatori

Digos (screen YouTube)

La strage fu rivendicata dall’Iss. Quella sera, essendo Festa Nazionale in Francia (14 luglio 2016), molte persone affollarono Promenade des Anglais quando improvvisamente arrivò un camion a gran velocità, scagliandosi sui presenti. Proseguì la folle corsa per circa due chilometri. Alla guida c’era Mohamed Lahouaiej Bouhlel che fu ucciso dalle forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Torre Annunziata, il cerchio si stringe intorno a cinque individui

Al momento gli investigatori non hanno fornito ulteriori informazioni perché potrebbero essere individuati e arrestati altri fiancheggiatori. C’è quindi riserbo sulla vicenda mentre le indagini vanno avanti.