Omicidio Torre Annunziata, il cerchio si stringe intorno a cinque individui

Omicidio Torre Annunziata, identificati i responsabili dell’assassinio di Maurizio Cerrato. La figlia: “È stato un agguatato”

Omicidio Torre Annunziata
I carabinieri indagano sull’omicidio di Torre Annunziata (Getty Images)

Sono state individuate le persone responsabili della morte di Maurizio Cerrato, il 61enne assassinato brutalmente ieri a Torre Annunziata per difendere sua figlia, Maria Adriana, una ragazza ventenne. La stessa ci tiene a precisare che il padre è morto proprio per difendere lei e non a causa di una lite come le prime informazioni avevano riportato.

Inizialmente si era diffusa la notizia che l’uomo era stato aggredito con un crick a causa di una lite per un parcheggio, altre testate avevano scritto che ad ucciderlo era stato una coltellata. Con il passare delle ore la dinamica è stata più chiara grazie alla testimonianza della ragazza che aveva scritto un posto su Facebook, prima di chiudere il profilo.

Nel corso della giornata i responsabili sono stati individuati: non uno come si pensava inizialmente ma cinque. Ora bisogna capire quale sia stato il ruolo di ognuno di loro nel tremendo omicidio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Metropolitana Linea 1 di Napoli, dipendente aggredito con un martello

Omicidio Torre Annunziata, aggredito mentre cambiava la gomma bucata

Torre Annunziata
Maurizio Cerrato, l’uomo ucciso ieri Torre Annunziata (foto Facebook)

Maria Adriana ha raccontato che il padre era entrato in un negozio mentre lei aveva parcheggiato l’auto su un posto occupato da una sedia che aveva spostato per fare spazio alla vettura.

Ha trovato una gomma bucata che la vittima la stava cambiando. Per tale motivo la ragazza sostiene che il padre non è morto per una lite ma si è trattato di un agguato. I responsabili si sono avvicinati, lo hanno prima aggredito con il gonfiatore e poi uno di loro gli ha sferrato un colpo al torace con un coltello.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, arrestata una donna mentre spacciava dal balcone

La ragazza ha trasportato l’uomo al pronto soccorso dell’Ospedale di Castellammare di Stabia ma purtroppo è giunto già privo di vita. Il sindaco di Torre Annunziata Vincenzo Ascione ha detto che sarà proclamato il lutto cittadino il giorno del funerale.