Antonio Ricci, clamorosa decisione dopo la gag sui cinesi: furia dei fan

Antonio Ricci resta fermo sulle sue posizioni dopo i fatti di lunedì che hanno creato molte polemiche sui social

Gerry Scotti e Michelle Hunziker (Striscia la Notizia)

Si è arrivati addirittura minacce di morte. Il polverone sollevato dopo la gang (offensiva per qualcuna) avvenuta lunedì sera durante Striscia la Notizia, ha creato molto rumore. In un’intervista al Corriere della Sera Gerry Scotti e Michelle Hunziker hanno chiesto scusa per aver imitato il modo di parlare dei cinesi (avevano detto “Lai” in riferimento alla Rai) e la forma degli occhi tipici degli asiatici.

I due hanno detto di aver ricevuto anche minacce di morte dopo che il caso è diventato mondiale in seguito alla denuncia social dell’account Instagram Diet Prada (canale di moda seguito da milioni di persone) e dello scrittore Luois Pisano.

E le scuse del padre di Striscia Antonio Ricci? Neanche per sogno. “La denuncia fa più ridere di un siparietto improvvisato” ha detto l’ideatore del programma all’Ansa, rivendicando la natura satirica della trasmissione e pertanto non ha intenzione di scusarsi per quanto accaduto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Isola dei Famosi, dura accusa di Akash: lo studio non sa come reagire

Antonio Ricci, niente scuse: “La satira è politicamente scorretta”

Antonio Ricci
Antonio Ricci (screen video Striscia)

Satirica è dunque politicamente scorretta come tutte le trasmissione al mondo di questo genere, è il pensiero di Ricci. Un presa di posizione netta che a molti però non è piaciuta perché avrebbero gradito delle scuse come fatto dai due conduttori. La Hunziker al Corriere ha detto che è sempre stata contro le discriminazioni tant’è ha una fondazione che si occupa dell’inclusione. La donna ha ricevuto dei messaggi dove dicevano che sarebbero stati bruciati i negozi del marito, “quando in Cina succedono cose inenarrabili”, ha aggiunto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Amici 20, in arrivo una sonora batosta? Maria De Filippi trema

Scotti ha detto di aver amici cinesi è nessuno ha detto nulla. E sul politicamente corretto che sta investendo la comunicazione: “Mi spaventa, suona di dittatura, di fascismo“.