Pokémon Go, ban senza motivo: cosa fare per risolvere

Gli utenti di Pokémon Go lamentano un comportamento anomalo dell’applicazione. Che ha avuto conseguenze pesanti.

Pokémon go
Molti utenti stanno notando un funzionamento anomalo di Pokémon Go (Photo by Stephen Lam/Getty Images)

L’applicazione Pokémon Go non conosce limiti. Lanciata ormai cinque anni fa, è ancora utilizzato da numerosi utenti in tutto il mondo. I quali però hanno segnalato un comportamento anomalo, che ha generato non molte polemiche.

Leggi anche-> Clubhouse, sospetto attacco hacker: la risposta della società

Il tutto parte dal sistema di ban dell’applicazione stessa. Un sistema rivela se il giocatore stia effettivamente barando. In caso positivo, viene applicato un ban che impedisce di giocare per sette giorni, impedendo di fatto l’accesso alle proprie credenziali.

Pokémon Go, in cosa consiste il problema

Dopo aver scontato il ban, in molti speravano di tornare serenamente a giocare. Ciò però non è avvenuto, dato che il sistema ha continuato a bloccare l’utilizzo dell’app. Con conseguenze pesanti sugli account degli utenti stessi in termini di giocabilità

In molti infatti hanno cumulato più ban di sette giorni. Che hanno portato a circa un mese il periodo di totale inutilizzo. Questo senza che gli stessi abbiano potuto accedere con le credenziali e capirne di più sulla vicenda, dato che al primo avvio i giorni di inutilizzo da scontare si sommavano e andavano ad aggiungersi ai precedenti.

Ci sarebbe anche una spiegazione

Pokémon Go
L’applicazione avrebbe applicato restrizioni inappropriate (Getty Images)

Altri utenti hanno poi segnalato di aver ricevuto restrizioni senza un motivo apparente. In questo caso ci sarebbe quindi del paradossale. Con alcuni fruitori espulsi dalla piattaforma senza che questa adduca un valido motivo.

Leggi anche-> Vodafone, 20 euro di ricarica in regalo per gli utenti: come ottenerla

In realtà alcuni adducono tali inconvenienti alla politica messa in piedi da Niantic. La software house permette tre ban prima di espellere l’utente dall’app. Il primo di 7 giorni, il secondo di 30 ed il terzo porta alla sospensione dello stesso. Il problema sorge nella mancata notifica delle stesse: cosa che crea problemi di non poco conto. A questo punto sarà compito della stessa verificare e distinguere i casi di imbroglio da quelli di errore del sistema.