Fuorigioco automatico per il Mondiale 2022: come funziona

La Fifa starebbe pensando di introdurre il fuorigioco automatico già per il Mondiale 2022: cos’è e come funziona questa novità.

Fuorigioco automatico
Un guardalinee alza la bandierina (Getty Images)

La Fifa pensa a rivoluzionare le valutazioni in merito alle posizioni degli attaccanti rispetto alla linea dei difensori. Si tratta di un dato oggettivo nel calcio, basato sulla posizione del corpo, che non lascia spazio ad interpretazioni umane. La Var, spesso molto utile per chiarire dinamiche di gioco dubbie, ha il problema delle tempistiche. Arsène Wenger, ex allenatore dell’Arsenal e Chief of Global Football Development, ha parlato attraverso i canali ufficiali della Fifa riferendosi alle valutazioni sulle dinamiche legate al fuorigioco. “Bisogna attendere circa 70 secondi, alle volte anche 80 o più”, ha spiegato l’ex tecnico. In molti casi, quindi, bisogna aspettare diverso tempo per veder convalidato o meno un gol.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, deciso il futuro di Mertens

L’edizione odierna de Il Corriere della Sera, riferisce che la Fifa starebbe pensando ad una vera e propria rivoluzione per il Mondiale 2022 in Qatar. Si tratta di un sistema di rilevazione automatico che risolverebbe la questione una volta per tutte.

LEGGI ANCHE >>> Ibrahimovic al ristorante in zona rossa, il proprietario: “Non rompete i cogl…”

Fuorigioco automatico, tutto quello che c’è da sapere

Fuorigioco automatico
Un guardalinee della Serie A (Getty Images)

Si studiano due tipologie di sistema di rilevazione diverse che, però, poterebbero al medesimo risultato: una segnalazione in tempo quasi reale. La prima, semi-automatica, dove gli assistenti il sala Var ricevono il segnale Gps (attraverso software specializzati, ndr). L’altra, invece, completamente automatica che permetterebbe di far ricevere il segnale direttamente sull’orologio del guardalinee.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dazn, la decisione dell’azienda dopo i disservizi

Gli assistenti di linea, in ogni caso, continuerebbero ad avere la possibilità di valutare la natura attiva o passiva dei fuorigioco. Al momento, la tecnologia non è mai stata sperimentata in nessun incontro ma Wenger sembra ottimista e pensa ad un utilizzo già nel Mondiale 2022.