Coronavirus, il bollettino di oggi 25 marzo

Coronavirus Italia, il bollettino Covid di oggi 25 marzo: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

Bollettino coronavirus 25 marzo
Bollettino coronavirus 25 marzo.

Coronavirus Italia. Il report della Fondazione GIMBE per la settimana 17-23 marzo afferma che con le restrizioni attualmente in vigore si registrano i primi segnali di miglioramento. Dopo 4 settimane si inverte il trend e si riduce l’incremento percentuale dei nuovi casi. Rispetto ai sette giorni precedenti c’è stato un calo dei contagi del 4,8%. In dodici Regioni d’Italia resta l’allarme terapie intensive: superata la soglia critica. A livello nazionale un solo Over 80 su cinque è stato vaccinato con prima e seconda dose (19%), una media che mette l’Italia tra i peggiori d’Europa.

LEGGI ANCHE –> Report vaccinazioni, i dati aggiornati: la verità su prime e seconde dosi

Il bollettino coronavirus di oggi 25 marzo

bollettino coronavirus oggi
Bollettino coronavirus oggi: la situazione Covid in Italia

Il bollettino coronavirus di oggi: 23.696 contagi, 460 morti, 21.673 guariti. Il numero di tamponi effettuati nelle ultime ventiquattro ore è in netto calo rispetto ai giorni precedenti: 349.472 tamponi, tasso di positività in aumento a 6,8% (+0,9%).

+32 terapie intensive | -14 ricoveri

LEGGI ANCHE –> Vaccino Covid, accelerata decisiva ad aprile: così usciremo dall’emergenza


L’Istituto Superiore di Sanità, rilanciando un messaggio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha invitato a consultare fonti qualificate e istituzionali. I vaccini sono sicuri: se hai letto qualcosa sui vaccini contro il Covid che ti ha fatto preoccupare, aspetta prima di prendere decisioni affrettate sulla tua salute. Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito ufficiale tutto ciò che c’è da sapere sui vaccini.

LEGGI ANCHE –> Dantedì, programmazione speciale in tv: il palinsesto completo

L’ultimo rapporto sul Covid pubblicato dall’ISS denuncia le conseguenze della pandemia per gli ultra 65enni:

  • dolore emotivo pensiero intrusivo per una persona su tre (34%);
  • sedentarietà in aumento (43%);
  • cresce il consumo di alcol (45%, di cui il 25% donne).