Portici, neonata ustionata: nella notte arrestati i genitori

Portici, neonata ustionata: disposti gli arresti per la coppia. Lei è ricoverato al San Leonardo di Castellammare, lui è in carcere

Portici neonata
Neonata di Portici in prognosi riservata (Getty Images)

Il Sostituto procuratore del Tribunale di Napoli Francesca De Renzis nella notte ha emesso il provvedimento eseguito dai carabinieri con il quale Concetto Bocchetti e Alessandra Terracciano sono stati arrestati.

I due, rispettivamente di 46 e 36 anni, sono accusati di abbandono di minori e maltrattamenti con lesioni gravissime. L’arresto è avvenuto dopo i fatti di ieri. La loro neonata, prematura di otto mesi, è stata portata in ospedale dopo soli tre giorni dalla nascita.

La piccola ha presentato delle ustioni e subito sono scattate le indagini per far luce sui motivi. Le ipotesi sono state varie fin da subito. Si era pensato a un lavaggio fatto con acqua troppo calda o con detergenti inadatti a una bambina di pochi giorni, nata tra l’altro tra le mura domestiche e non in ospedale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nola, denunciati per importazione e vendita di auto rubate

Portici, coppia arrestata: il tribunale aveva già tolto altri figli

portici
Si indaga sulle ustioni della neonata (Getty Images)

Tra le ipotesi c’è addirittura il lavaggio con la candeggina. Entrambi i genitori hanno problemi psichici e la madre è ora ricoverata in stato di fermo presso l’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. L’uomo invece è stato trasportato nel carcere di Poggioreale.

La coppia era già nota alle forze dell’ordine. Il tribunale in passato era già intervenuto togliendo la patria potestà di altri due bambini. Questo forse il motivo del parto in casa, avevano provato a nascondere la nuova gravidanza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Salerno, vigile di 62 anni muore dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer

Per quanto riguarda le condizioni della neonata, non dovrebbe essere in pericolo di vita e la prognosi è riservata dopo che ieri sera è stata sottoposta a un intervento al Santobono-Pousilipon di Napoli. La vicenda è emersa perché è stato lo stesso padre a chiedere aiuto e a portare la piccola in ospedale.