Pozzuoli, aggredita comandante di Polizia: cure mediche in ospedale

Pozzuoli, un uomo che non rispettava le norme anti Covid ha aggredito un comandante della Polizia municipale. Arrestato, domani il processo.

Pozzuoli
Polizia ed Esercito (Getty Images)

Pozzuoli, un uomo di 45 anni è stato arrestato e si trova ai domiciliari in attesa del processo per direttissima che si terrà domani. Lo stato di fermo per il 45enne è stato convalidato in seguito a quanto successo ieri mattina sul belvedere San Gennaro, come riferisce Il Mattino.

L’uomo si trovava assieme ad una donna a parlare tra loro, fermi in auto. Gli agenti della polizia municipale si sono avvicinati per effettuare i controlli d’obbligo durante la zona rossa. I due, entrambi 45enni e residenti a Quarto, erano arrivati sul belvedere con veicoli differenti e non avevano un valido motivo per trovarsi lì, di fatto violando il lockdown dovuto all’emergenza coronavirus in Campania. Inoltre, i documenti di guida non erano in regola ed uno dei veicoli non era stato sottoposto a revisione periodica.

LEGGI ANCHE –> Ponticelli, agguato nella notte: un morto ed un ferito

Pozzuoli, comandante di polizia aggredita: cosa è successo

Pozzuoli
Polizia (Getty Images)

La pattuglia in servizio ha contestato gli illeciti alla coppia, che hanno prima oltraggiato e poi aggredito un agente, un ufficiale e il comandante della polizia municipale. Ne è scaturita una breve colluttazione, dopo di che i due sono stati bloccati e l’uomo condotto al Comando di via Luciano per l’arresto.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il bollettino nazionale di oggi 14 marzo

Il comandante della polizia municipale, Silvia Mignone, è stata lievemente ferita nella colluttazione. Per lei sono state necessarie le cure mediche in ospedale. Questo quanto successo durante il controllo per l’osservanza delle misure anti Covid a Pozzuoli.