Mediaset come Netflix, l’annuncio ufficiale: utenti entusiasti

Mediaset si adegua al passo con la tecnologia. Prevista una rivoluzione sulla piattaforma digitale, che coinvolge il lato gratuito e quello a pagamento.

Mediaset Infinity
Novità importanti sulle piattaforme Mediaset

Svolta importante in casa Mediaset. Il noto gruppo televisivo si appresta a profondi cambiamenti sul lato tecnologico. E’ Italia Oggi a riportare la notizia, che apporterà profonde novità per i contenuti digitali e per l’offerta disponibile per i clienti.

Leggi anche-> Iliad, la nuova super offerta arriva agli ex clienti tramite SMS: i dettagli

Infatti, il gruppo annuncia una rivoluzione che incontra il gradimento degli utenti. La novità sarà attiva dal prossimo Aprile, con l’obiettivo di fare concorrenza alle piattaforme americane. In primis Netflix ed Amazon Prime Video, che incontrano i maggiori gradimenti in Italia

Mediaset, pronta la piattaforma Play Infinity

Attualmente Mediaset dispone di due piattaforme. La prima, denominata Play, racchiude tutti i programmi dell’emittente da vedere attraverso un’applicazione. Gli utenti possono registrarsi e rivedere tutto il palinsesto che viene trasmesso sulle reti televisive.

Leggi anche-> ho. Mobile regala Giga illimitati: come attivare l’offerta e a chi spetta

L’altra, Infinity, nasce con l’obiettivo di attrarre clienti interessati a serie tv e film da veder e on demand. Simile nei contenuti alle concorrenti straniere, presenta diversi piani di abbonamento. Le due saranno fuse insieme per creare Play Infinity, nella quale confluiranno anche le 104 partite della Champions League, tramite streaming pay.

Pronti anche i nomi dei pacchetti

Mediaset Play

Sulla falsariga di quanto avvenuto per altre piattaforme, Mediaset avrebbe già pronti i nomi degli abbonamenti. Si parte da quello base, con contenuti gratuiti per arrivare ad Infinity+, che dovrebbe sempre costare 7,99 al mese. Previsto anche un pacchetto intermedio, con accesso ai contenuti della sola emittete ma senza pubblicità.

Il passo in avanti riguarda anche la creazione di contenuti originali, da lanciare direttamente sulla piattaforma. Arricchendo dunque l’offerta, senza tralasciare la televisione e la radio. Un salto nel futuro reso necessario anche dalle nuove preferenze, oltre che dagli standard tecnologici in vigore dal 2022, che imporranno a molti di cambiare il televisore.