Coronavirus, il bollettino di oggi 10 marzo

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 10 marzo: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

Bollettino coronavirus
Bollettino coronavirus 10 marzo

L’Italia ad un anno dal primo lockdown. Una situazione, quella del coronavirus, totalmente nuova che il nostro Paese si è trovato a fronteggiare senza precedenti a cui fare riferimento. Dopo un anno la pandemia resta, ma l’arrivo sempre più massiccio dei vaccini costituisce una via d’uscita, non lontana. Ad utilizzare queste parole è stato il presidente del Consiglio Mario Draghi in un video messaggio diffuso pochi giorni fa. Nel fine settimana si va verso la comunicazione del nuovo piano di distribuzione e somministrazione. Secondo i dati pubblicati dall’Istat il Covid riduce la speranza di vita. L’evoluzione positiva della speranza di vita tra il 2010-2019 è stata frenata dal Covid: nel 2010 era 81,7 anni, nel 2019 era salita a 83,2. Il 2020, l’anno della pandemia, ha arretrato la speranza di vita degli italiani a 82,3 anni. Questo è quanto rilevato nel Rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes).

LEGGI ANCHE –> Stasera in tv ‘La bambina che non voleva cantare’: la vera storia di Nada

Il bollettino coronavirus di oggi

bollettino coronavirus oggi
Il bollettino coronavirus di oggi.

La Commissione dell’Unione Europea ha annunciato di avere acquistato ulteriori 4 milioni di dosi di vaccino Pfizer. Da Palazzo Chigi fanno sapere che in Italia arriveranno 532 mila dosi aggiuntive: la consegna avverrà nelle ultime due settimane di marzo.

Il bollettino coronavirus di oggi: 22.409 contagi, 332 morti, 13.752 guariti. 361.676 tamponi effettuati nelle ultime ventiquattro ore e tasso di positività in leggera crescita: 6,2% (+0,5%).

+71 terapie intensive | +489 ricoveri

LEGGI ANCHE –> Insegnante deceduta, la causa non è il vaccino: l’esito dell’autopsia


Istituto Superiore di Sanità – Igiene delle mani, dispositivi di protezione, distanziamento fisico, tossire e starnutire lontano dal proprio interlocutore. Sono semplici regole che abbiamo dovuto rispettare sin dall’inizio della pandemia e che continuano ad essere valide anche adesso.