Roma, mondo di mezzo: condanne per Buzzi e Carminati

Si è concluso a Roma il processo sul cosidetto mondo di mezzo. Sono state comminate condanne per Salvatore Buzzi e Massimo Carminati.

Roma
Riformulate le pene per Buzzi e Carminati (Foto di succo da Pixabay)

L’inchiesta denominata “mondo di mezzo” si conclude con le condanne di Salvatore BuzziMassimo Carminati. La Prima Corte d’Appello di Roma ha stabilito in 12 anni e dieci mesi e 10 anni le condanne per i due principali condannati.

Leggi anche-> Covid, inchiesta mascherine dalla Cina: a Roma tre arresti domiciliari

Il processo bis arriva alla fine, dopo che la Cassazione aveva fatto cadere per tutti il reato di associazione mafiosa ex art 416 bis. Necessario quindi ricalcolare le pene per i venti imputati. In aula era presente anche la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Roma, il dettaglio delle condanne inflitte

Il procuratore generale del tribunale di Roma aveva chiesto undici anni per Carminati e 12 anni per Buzzi. Pene sostanzialmente confermate dai giudici, con gli accusati che ovviamente non hanno digerito le condanne loro inflitte.

Leggi anche-> Nola, tentano rapina in banca: arrestati dopo inseguimento

Se l’avvocato degli ex NAR commenta che la pena permetterà al suo assistito di evitare di rientrare in carcere, per il secondo le dichiarazioni sono diverse. Buzzi ritiene la condanna molto più dura rispetto alla precedente sentenza. Che comunque riduce di sei anni la detenzione, rispetto ai 18 iniziali.

Il commento della sindaca Raggi

Roma Raggi
La sindaca di Roma Virginia Raggi (Getty Images)

La sindaca Virginia Raggi era presente in aula alla lettura della sentenza. La prima cittadina definisce quello di ‘Mafia Capitale’ come uno dei periodi più bui per la storia della città. Con diritti calpestati in nome del profitto., riconosciuti anche nel processo.

Adesso la sindaca auspica un lavoro di ricostruzione. Che deve partire necessariamente dalla legalità e trasparenza, soprattutto nel settore degli appalti. I cittadini romani, a suo modo di vedere, meritano di ritornare a rivedere una città che si basi sul rispetto delle regole, come frutto di un percorso che deve proseguire nel tempo.