Vaccino Sputnik, primo accordo per la produzione in Italia: cosa cambia

Svolta per la produzione del vaccino russo Sputnik V, pronto ad arrivare in Italia. Verrà prodotto in due stabilimenti: 10 milioni di dosi in arrivo.

Vaccino Sputnik Italia
Delle dosi del siero prodotto in Russia (Getty Images)

Il vaccino russo Sputnik V è pronto per essere prodotto in Italia, grazie all’aiuto dell’azienda farmaceutica italo-svizzera Adienne Pharma&Biotech. Infatti l’azienda ha deciso di produrre il farmaco in due stabilimenti al Nord ed al Centro Italia. Adienne afferma di riuscire a fornire circa 10 milioni di dosi da luglio 2021 al gennaio 2022. A dare l’annuncio ci ha pensato la Camera di Commercio Italo-Russa. Infatti la Camera afferma che il tutto avverrà dopo l’approvazione dell’Ema. Ma non solo, le dosi prodotte verranno distribuite su tutto il territorio italiano.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino AstraZeneca, via libera per over 65: l’ok dal Ministero della Salute

Una partnership importante, con la produzione che però partirà solamente da Luglio 2021. Ma una buona notizia arriva anche per i posti di lavoro, che verranno creati dalla stessa azienda faramceutica. Inoltre le autorità russe continua a collaborare con diverse aziende europee per stabilire nuovi accordi. Sono ben45 i paesi nel mondo che hanno approvato il farmaco. Adesso si attende solamente il termine della revisione dell’Ema.

Vaccino Sputnik, verrà prodotto in Italia: a partire da luglio 10 milioni di dosi

Vaccino Covid Ema
Il siero russo arriverà in Italia (Getty Images)

La Camera di Commercio ha spiegato che gli incontri degli ultimi giorni hanno permesso di identificare alcuni partner strategici in Italia. Tutto ciò ha permesso di trovare delle aziende pronte a produrre il vaccino sul suolo italiano, con tutte le dosi che verranno distribuite sul suolo della penisola. Saranno così utilizzate le eccellenze dell’industria del nostro paese, per fronteggiare la crescente richiesta di dosi dei preparati vaccinali.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Cashback, Draghi pronto a cancellarlo: “3 miliardi per ristori e povertà”

Come conferma il comunicato della Camera di Commercio Italo-Russa: “L’impresa italiana associata Adienne Srl, parte della multinazionale Adienne Pharma&Biotech, fondata da Antonio Francesco Di Naro, ha promosso un accordo strategico per la produzione in loco del vaccino russo anti-Covid Sputnik V“. Intanto si avvicina l’approvazione del farmaco russa. Infatti, lo scorso 4 marzo, l’Ema ha iniziato a revisionare i dati della Fase 3 di sperimentazione. A breve quindi, dopo il vaccino di Johnson & Johnson, potrebbe arrivare l’ok anche per Sputnik V.