Lutto per Simone Schettino, addio alla mamma del comico

Lutto per Simone Schettino, è morta a 78 anni la mamma a causa del Covid. Era ricoverato al Cotugno di Napoli

Simone Schettino
Screen YouTube

Grave lutto per il noto cabarettista originario di Castellammare di Stabia Simone Schettino. Sua mamma, la signora Anita Scanu di 78 anni, è deceduta a causa del Covid. La donna infatti era ricoverata da tempo all’ospedale Cotugno di Napoli.

La signora era molto conosciuta a Castellammare di Stabia non solo per la popolarità del figlio ma anche per aver gestito per molto un negozio in centro insieme al marito Aldo.

Il nome della donna si aggiunge alla lista delle tante vittime che la città stabiese ha purtroppo contato in questi mesi di pandemia. Sono più di sessante le persone decedute a causa del Covid e il reparto deputato dell’ospedale cittadino San Leonardo è da tempo saturo.

Il numero dei casi positivi in città ha sforato i 150 al giorno. Ieri gli uffici della Tmp – la società che gestisce gli stalli blu a pagamento per la sosta delle auto – ha chiuso i propri uffici per il contagio di un proprio dipendente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Covid, aziende italiane annunciano: “Pronti a produrre in 4-6 mesi”

Simone Schettino, da Pirati a Made in Sud

Simone Schettino
Foto Facebook

Un anno fa, poco prima del lockdown, fu proprio Simone ad avere problemi di salute tanto da rinviare il suo spettacolo in programma al Teatro Cilea di Napoli Se tocco il fondo… Sfondo. Lui stesso dichiarò che la causa fu un piccolo intervento chirurgico e che sarebbe tornato sul palco solo dopo qualche settimana ma la pandemia ha poi stravolto tutti i piani.

Classe 1966, quando nel 2017 è entrato nella squadra di Made in Sud era già molto noto in Campania e fuori regione. Il programma di RaiDue gli diede la possibilità di farsi conoscere ai pochi che non avevano ancora avuto modo di ridere con le sue battute.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, inchiesta mascherine dalla Cina: a Roma tre arresti domiciliari

Cominciò la sua carriera tra la fine degli anni Novanta e i primi Duemila con il programma Pirati di Biagio Izzo. Da lì una serie di spettacoli per i teatri che lo hanno fatto amare sempre più dal pubblico.