Laura Pausini vincitrice Golden Globe per la miglior canzone originale

Laura Pausini vince il prestigioso premio per il brano colonna sonora del film La vita davanti a sé con Sophia Loren

Laura Pausini
Getty Images

Io sì (Seen) è la canzone che ha consentito a Laura Pausini di vincere il Golden Globe. L’annuncio è stato fatto durante la cerimonia di premiazione della Hollywood Foreign Press. “Grazie mille” ha detto la cantante nel corso della diretta sulla Nbc. Il brano è la colonna sonora del film La vita davanti a sé di Edoardo Ponti con Sophia Loren ed è frutto della collaborazione con Diane Warren e Nicolò Agliardi.

La Loren (che non è stata premiata) è stata citata dalla cantante. “Tutta la mia gratitudine e il rispetto per la meravigliosa Sophia Loren” ha scritto in un post in inglese su Instagram dove ha ringraziato Diane Warren, Nicolò Agliardi e la Hollywood Foreign Press Association: “Non ho mai sognato di ricevere un Golden Globe”, ha detto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Le indagini di Lolita Lobosco, le clamorose anticipazioni della terza puntata

Laura Pausi alla Loren: “Onore dare voce al tuo personaggio”

Laura Pausini
Sophia Loren (screen YouTube film La vita davanti a sé)

Nel suo ringraziamento la Pausini si rivolge direttamente alla diva napoletana. Dice che è stato un onore dare voce “al tuo personaggio” che trasmette un messaggio di “accoglienza e unità“. Sophia Loren, infatti, è la protagonista del film tratto dall’omonimo romanzo e realizzato da Netflix. Il suo personaggio è una ex prostituto ebrea sopravvissuta alla Shoah che ospita nella propria casa figli di prostitute.

Tra questi c’è Momò, un bambino di origini senegalesi. All’inizio non c’è un buon rapporto tra i due che hanno cultura e religione diverse ma soprattutto vengono da ambienti totalmente opposti poiché il ragazzino frequenta persone poco raccomandabili ma le cose poi cambieranno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> GF Vip, la finale: anticipazioni ultima puntata, chi vincerà?

Laura Pausini oltre all’Italia, alla propria famiglia e a sua figlia, il premio l’ha dedicato anche a sé stessa, a quella “ragazzina che vent’otto anni fa vinse Sanremo“, senza immaginare che un giorno sarebbe arrivata così lontano.