Lutto per Michele Placido, addio al fratello Vincenzo

Michele Placido, addio al fratello Vincenzo, esponente politico a Lucca e scrittore. Aveva 79 anni ed è morto a causa di un malore

Michele Placido
Michele Placido (Getty Images)

Un malore improvviso ha colpito il Vincenzo Placido, politico e fratello dell’attore e regista Michele. 79 anni, l’ex assessore di Lucca è deceduto ieri nella sua abitazione nella città toscana, lasciando la moglie e il figlio Beniamino.

Nato nel foggiano, a Lucera, a Lucca si era trasferito dopo la laurea in Lettere per insegnare a scuola Storia e Filosofia in una lunga carriera, dal 1968 al 2003. In tutti quegli anni passati in città si era anche impegnato politicamente. È stato infatti prima consigliere comunale e poi assessore con i socialisti prima di diventare esponente di Forza Italia.

Grande anche il suo impegno in ambito culturale. È stato vicepresidente con delega al teatro dell’associazione intercomunale della Piana di Lucca e ha ricoperto anche il ruolo di vicepresidente del Teatro del Giglio di Lucca e presidente dell’Istituto Musicale Luigi Boccherini. Tutti incarichi questi che indicano la passione per l’arte e la cultura di Placido. Per la realizzazione del Festival Lucca Effetto Cinema fu stato tra i principali collaboratori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, si riunisce l’Unità di Crisi: si rischia la zona rossa

Placido, da poco era stato pubblicato il libro su Pascoli

 Placido
Vincenzo Placido (Foto Facebook)

La sua attività politica non è limitata solo al locale. Tra il 2003 e 2004, nel periodo in cui Letizia Moratti era ministro dell’Istruzione nel governo Berlusconi, ebbe anche un incarico collaborando con il dicastero.

Vincenzo Placido è stato anche scrittore. A luglio scorso per la casa editrice Tralerighe era uscito il libro Zvanì. Il fanciullo di casa Pascoli, un testo misto tra saggio e romanzo sulla vita del piccolo Giovanni Pascoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stefano Cucchi, venduta la casa a Morena

La notizia della sua morte è stata pubblicata dall’edizione fiorentina de Corriere della Sera che ha riportato anche messaggi di cordoglio da parte di colleghi di partito, amici e conoscenti che hanno lavorato con lui in questi anni. Ancora nessun messaggio invece da parte della famiglia.