Israele, tensione con l’Iran per esplosione nave cargo

Tensioni tra Israele e Iran. L’accusa mossa dai primi riguarda l’esplosione di una nave cargo israeliana, accusando i secondi della responsabilità. Indagini sono in corso.

Israele
La nave trasportava automobili (Getty Images)

Si riaccendono le tensioni tra Israele e Iran. Come diffuso dal quotidiano Yedioth Ahronoth, ci sarebbe l’Iran dietro l’esplosione di un cargo israeliano battente bandiera delle Bahamas. L’incidente sarebbe avvenuto qualche giorno fa ma diffuso solo oggi.

Leggi anche-> Usa, Biden esulta: “50 milioni di vaccinazioni, siamo in anticipo”

Secondo le prime ricostruzioni, la MV Helios Ray si trovava nelle acque del Golfo dell’Oman diretta verso Singapore quando ha subito una deflagrazione. I danni sono ingenti ma per fortuna non ci sono state vittime

Israele, indagini sull’incidente alla nave cargo

E’ lo stesso capitano Rami Ungar a fornire maggiori informazioni sulla nave dopo le notizie diffuse in Israele. “Non sappiamo ancora se è causata da un missile o da una mina attaccata alla nave” dice, “Non ho idea nemmeno se sia correlato con la nazionalità dell’imbarcazione”.

Leggi anche-> Covid, oltre 400mila nuovi casi in tutto il mondo: 11.972 i morti

Il cargo era partito al porto di Damman, in Arabia Saudita lo scorso mercoledì, trasportando un carico di auto. La destinazione era Singapore, quando nei pressi dell’Oman è avvenuta l’esplosione che ha provocato danni importanti al natante.

La nave si troverebbe ora ad Abu Dhabi

Israele
Israele accusa l’Iran di aver provocato l’esplosione (Getty Images)

Dopo i danni sono controverse le voci su dove si troverebbe. Alcune parlano di un ritorno al porto saudita, mentre il capitano afferma che sia ad Abu Dhabi per valutare l’entità dei danni. Questo grazie alla normalizzazione dei rapporti di Israele con gli Emirati Arabi Uniti.

Alcune voci confermano la responsabilità dell’Iran, con l’aggravarsi delle tensioni con gli israeliani. Da un lato Teheran si sta riavvicinando agli USA, riallacciando i rapporti grazie alla guida del presidente americano Biden. Dall’altro ci sono i paesi del Golfo, che negli ultimi tempi hanno migliorato le proprie relazioni con lo stato d’Israele, mettendo in una posizione di isolamento la Repubblica Islamica.