Coronavirus, bollettino di oggi 26 febbraio: 20.499 nuovi casi e 253 morti

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 26 febbraio: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime ventiquattro ore.

Coronavirus bollettino
Tutti i dati del bollettino di oggi 26 febbraio (via Screenshot)

Il bollettino di oggi: 20.499 contagi, 253 morti, 11.714 guariti. 235.404 tamponi effettuati in Italia nelle ultime ventiquattro ore. Il tasso di positività registra un veriginoso aumento: 8,7% (+4,2%). 26 nuovi ingressi in terapia intensiva e 35 in più i ricoveri nel bollettino odierno emanato dalla Protezione Civile e dal Ministero della Salute. Somministrate 3.998.727 dosi di vaccino in totale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> LIVE – Campania, De Luca in conferenza stampa: “Chiuse tutte le scuole”

Coronavirus, il bollettino di oggi: come cambia la situazione in Italia

Coronavirus bollettino 26 febbraio
I dati del bollettino del 26 febbraio

Stando all’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità, l’indice di contagio Rt in Italia resta stabile al 0.99. Ma la situazione rischia di precipitare tutto d’un tratto, per questo motivo sono in molti i governatori a chiedere “urgenti misure”. In questa settimana, infatti, si è notata un’accelerazione a causa della diffusione della variante britannica. Inoltre diminuisce anche l’età media dei casi, che scende addirittura a 44 anni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Fuorigrotta, incendio in un appartamento: due morti

Inoltre sono 10 le regioni e le province autonome con l’Rt superiore ad 1: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Molise, Piemonte, provincia autonoma di Trento, Toscana, Umbria. Inoltre su queste aumentano i posti occupati in terapia intensiva ed i ricoveri su territorio nazionale. Infatti è presente un sovraccarico in Molise, Marche, Bolzano e Umbria. Mentre in sovraccarico solo le terapie intensive in Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Trento.

La presenza delle nuove varianti, specialmente quella britannica, permettono al virus di propagarsi anche tra i più giovani. Sono infatti diverse le positività negli istituti italiani, che hanno fatto crollare l’età media dei contagi. Inoltre provvedimenti drastici potrebbero arrivare già nelle prossime ore, anticipando le misure del primo Dpcm di Mario Draghi. Intanto l’Iss invita la popolazione ad evitare tutte le occasioni di contatto ed adottare comportamenti individuali rigorosi e rispettare le misure igienico-sanitarie.