Vishing, la nuova truffa che costa caro al portafogli: come difendersi

Con il progresso della tecnologia aumentano anche le truffe informatiche. Oggi parliamo del vishing, meno nota ma non meno pericolosa tra i raggiri.

Vishing
Vishing, una nuova e costosa truffa (Getty Images)

Una telefonata costa. Specialmente se parliamo di vishing, un fenomeno meno noto ma altrettanto pericoloso. Negli ultimi anni il fenomeno delle truffe online o attuate attraverso i mezzi di comunicazione sta vivendo una seconda primavera.

Leggi anche-> Truffa Bitcoin, un’email di phishing promette 40mila euro: come difendersi

Per rendere un’idea, basti pensare che la dimensione di questo fenomeno era limitata nel 2019 ad appena 4000 casi. Un anno dopo la cifra si è raggiunta in appena quattro mesi. Un raggiro che si basa, come sempre, su due elementi: buona fede e ignoranza dell’utente.

Vishing, come funziona

Ma come funziona nel dettaglio il vishing? Il tutto, come già detto poc’anzi, parte da una innocente telefonata. All’altro capo un finto operatore bancario o rappresentante di una compagnia telefonica, che con un pretesto qualsiasi vi chiede di fornirgli alcuni dati personali.

Leggi anche-> WhatsApp, questa truffa ruba il vostro profilo: come fermarla

I motivi possono variare da un fantomatico bonus o premio oppure una multa che bisogna assolutamente pagare. Una volta fornite le credenziali, i malviventi accedono alle aree riservate per prosciugare conti o addebitare cifre folli sull’utenza telefonica. Con costi molto salati.

Come difendersi dalle truffe

Vishing
In molti si spacciano per call center dietro uno schermo (Getty Images)

Il comportamento ideale da adottare è quello di non fornire mai i propri dati personali. In genere infatti, né le compagnie telefoniche e tantomeno le banche permettono ai propri operatori di chiedere siffatte informazioni. Questo per ovvi motivi di privacy.

In secondo luogo è sempre meglio attuare una segnalazione. La prima va fatta alla Polizia Postale, la quale può quindi avviare le indagini e stanare i delinquenti il prima possibile. Se si hanno dubbi, inoltre, è sempre bene visitare i siti internet o rivolgersi al numero verde della rispettiva banca o compagnia telefonica. Queste infatti specificano sui loro siti come raccolgono e ottengono informazioni, oltre al modo con il quale comunicano con i propri clienti.