Sant’Antimo, bimbo vittima di bullismo: è stato pestato. Il motivo

Un grave episodio è accaduto oggi a Sant’Antimo, provincia di Napoli. Ancora una volta c’è di mezzo il bullismo, un fenomeno purtroppo diffuso. A farne le spese un bambino per futili motivi.

Sant'Antimo bullismo
I bambini continuano ad essere vittime di bullismo(Getty Images)

Altro episodio grave di bullismo in Campania. E’ successo a Sant’Antimo, dove un bimbo di dieci anni è stato pestato da un bullo. La notizia, lanciata da Melitonline, è stata ripresa anche dal consigliere regionale Borrelli.

Leggi anche-> De Luca in diretta: “Inevitabile la zona arancione, lavoriamo per l’acquisto di vaccini

Il motivo è da ricondurre a futili motivi. Secondo le prime ricostruzioni, il bimbo non avrebbe passato il pallone ad un compagno. Che, preso da un’ira ingiustificata, avrebbe utilizzato violenza fisica nei suoi confronti.

Sant’Antimo, il cons. regionale Borrelli vuole vederci chiaro

Sulla questione accaduta a Sant’Antimo il consigliere regionale Borrelli commenta così: “Un bambino di dieci anni sarebbe stato pestato da un bullo mentre giocava per non aver passato il pallone. Una deriva inquietante che descrive lo stato delle giovani generazioni”.

Abbiamo chiesto”-prosegue l’esponente di Europa Verde-“alle forze di polizia locali di confermare la notizia. Se fosse vero chiediamo che venga fermato il responsabile insieme ai suoi genitori. Servono punizioni esemplari, per far capire che ad ogni azione corrisponde una conseguenza”.

Pochi giorni fa una rissa sul lungomare di Napoli

Sant'Antimo
Il lungomare di Napoli, teatro di una rissa pochi giorni fa (Getty Images)

Gli episodi di violenza tra giovani e giovanissimi sembrano ormai essere all’ordine del giorno. Solo pochi giorni fa, sul lungomare di Napoli, una rissa organizzata da una banda di ragazzini aveva ostacolato la normale attività dei commercianti.

Leggi anche-> Napoli, rissa sul lungomare: ferito un ragazzo, controlli assenti

Una situazione denunciata che però non sembra trovare una fine. Tra richieste di maggiori controlli e poca attenzione dei genitori o dei rispettivi tutori, sembra davvero difficile tenere a bada questi fenomeni giovanili di delinquenza.