Covid Campania, De Luca: “Forse saremo zona arancione”

Covid Campania, De Luca interviene a Salerno e spiega che c’è il rischio nelle prossime ore che la regioni cambi colore

De Luca
Vincenzo De Luca (Getty Images)

Si attendono oggi le indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità e di conseguenza le decisioni del Ministero della Salute per quanto riguarda i colori delle regioni. Questa mattina il governatore campano Vincenzo De Luca in occasione dell’apertura del secondo lotto della Pinacoteca a Palazzo Pinto, a Salerno, ha detto che probabilmente la decisione che arriverà sarà quella della zona arancione.

“Dobbiamo fare attenzione all’epidemia, al Covid che galoppa” ha affermato richiamando alla prudenza “cento volte di più” rispetto alle altre regioni a causa della densità abitativa e della congestione urbana che è tra le più alte d’Europa.

De Luca ancora una volta critica le scelte del governo di aprire e chiudere “nevrotizzando i cittadini” rischiando di prolungare l’epidemia anziché portarla a termine. Le zone gialle secondo il governatore fanno rilassare troppo, facendo pensare che il tutto sia alle spalle, ma poi ecco di nuovo le restrizioni con le zone arancione e rosse.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> È morto U-Roy, lutto nella musica reggae

Covid, De Luca: “Nessuno controlla il rispetto delle regole”

covid campania
(Getty Images)

Fanno ancora notizia le immagini di cittadini in giro, a Napoli sul lungomare ma anche altrove. “Nessun rispetto delle regole“, dice il governatore che evidenzia anche l’assenza di controlli non solo in Campania ma in tutta Italia. Si dovrebbe far conto solo sul senso di responsabilità ma negli ultimi fine settimana “ne abbiamo visto molto poco”.

Buona parte delle regioni italiane dovrebbero passare in zona arancione. Il rischio lo corrono Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Lazio. I governatori di tutti e quattro, però, hanno tenuto a comunicare che l’indice di contagio Rt è sotto l’1%, una delle condizioni che consente di stare in zona gialla.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Liliana Segre, frasi antisemite dopo il vaccino

C’è chi rischia di “retrocedere” ma anche chi può essere promosso. La Valle d’Aosta potrebbe essere la prima regione a passare in zona bianca, quella dove le restrizioni sono limitate, meno ancora della zona gialla.