Whirpool, operai a Roma per incontrare il neo ministro

Whirpool, operai a Roma per incontrare il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti. È la prima del governo Draghi

Whirpool Napoli
Getty Images

La chiusura della fabbrica Whirpool a Napoli non ferma le proteste. Gli operai e i sindacati questa mattina si sono recati a Roma per incontrare il nuovo ministro dello Sviluppo economico, il leghista Giancarlo Giorgetti.

Tra le varie patate bollenti che dovrà affrontare il governo Draghi che oggi attende la fiducia dalla Camera c’è anche la questione lavoro delle grandi fabbriche come questa. Si tratta infatti della prima protesta dell’era Draghi.

Risolvere la questione della Whirpool è un precondizione per dare “una svolta alle politiche del Mezzogiorno” ha affermato Giovanni Sgambati, il segretario della Uil Campania.

La settimana scorsa sindacati e lavoratori in assemblea aveva fatto capire che la vicenda sarebbe stata portata a Roma e che la Whirpool sarebbe diventata “la prima vertenza che Draghi dovrà affrontare”, aveva detto Rosario Rappa, il segretario della CGIL di Napoli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rifiuti a Napoli, sequestrate 500 tonnellate al porto

Whirpool, fabbrica chiusa dal 30 ottobre nonostante l’utile dell’azienda

Whirpool
Operai Whirpool (foto pagina Fb Napoli non molla)

La questione della fabbrica di via Argine va avanti da 21 mesi duranti i quali si sono succeduti due governi di Giuseppe Conte e oggi quello di Mario Draghi. La fabbrica è stata chiusa ufficialmente lo scorso 30 ottobre lasciando a casa 340 operai più l’indotto.

Il giorno precedente l’allora premier Conte aveva avuto un incontro con la multinazionale americana. Al termine c’era stata la conferma della mancata volontà dell’azienda di portare avanti la produzione del siti partenopeo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mondragone, blitz in Comune per falsi certificati: indagate sette persone

A luglio era stata stabilita la data di chiusura ma da almeno un anno i lavoratori e i sindacati sono in lotta e avevano promesso battaglia. Il tutto sta avvenendo mentre la Whirpool sta vivendo un grande rilancio ma che ritiene la sede di Napoli poco redditizia. In tutto il mondo nel terzo trimestre del 2020 l’azienda ha registrato un utile del 75%.