Sala Consilina, carabinieri arrestano truffatore seriale

I Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, in provincia di Salerno, hanno arrestato un truffatore seriale. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine.

Sala Consilina
Arresto da parte dei carabinieri di un noto truffatore (Getty Images)

Si fingeva amico del parroco per truffare anziani, vendendo quadri votivi. E’ quanto hanno scoperto i Carabinieri di Sala Consilina, arrestando un 53enne della provincia di Napoli. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine.

Leggi anche-> Napoli, rissa sul lungomare: ferito un ragazzo, controlli assenti

Il tutto parte da denunce fatte da diversi anziani residenti in diverse zone del Vallo di Diano. Le forze dell’ordine hanno inziato ad indagare, fino ad arrivare all’individuazione e all’arresto del truffatore.

Sala Consilina, ecco come agiva il truffatore

La tecnica utilizzata per aggirare le ignare vittime era sempre la stessa. L’uomo bussava alla porta dei malcapitati e li convinceva con uno stratagemma. Fingendosi amico del parroco di paese, riusciva a farsi aprire la porta senza destare apparenti sospetti.

Leggi anche-> Bonus e incentivi, come evitare le truffe online

Per riuscire ad estorcere le somme di denaro, offriva in cambio dei quadretti con imagini votive. In cambio prometteva che il ricavato sarebbe andato a beneficio della parrocchia locale, riuscendo così a far cadere nella trappola le vittime.

I Carabinieri sono riusciti a rintracciare il malvivente

Sala Consilina truffa
L’indagine partita da alcune denunce (Getty Images)

Le indagini sono state dirette dal capitano Paolo Cristinziano, che ha sorpreso il truffatore in possesso dei numerosi quadri votivi. Gli stessi che venivano spacciati come provenienti dalle chiese locali e pagati da ignari anziani del luogo.

L’uomo è stato denunciato presso alla procura della Repubblica presso il tribunale di Lagonegro. Nonostante le prescrizioni dovute al coronavirus, continuano quindi gli episodi di truffe ad anziani. Sono loro le vittime preferite anche perché maggiormente isolati e vulnerabili. Episodi che putroppo stentano ad avere una fine e continuano ad indignare, specie in questo periodo duro con una pandemia da sconfiggere.