Rihanna, uno scatto fa arrabbiare gli Induisti-FOTO

Uno scatto postato sui social dalla cantante Rihanna scatena la rabbia degli induisti. La popstar internazionale pare averla fatta grossa.

E’ bastata una foto postata sui social da Rihanna per scatenare un acceso dibattito sui social. La nota cantante ha pubblicizzato la sua linea di intimo in maniera osé. Ma è un altro dettaglio ad aver scatenato le ire di molti seguaci dell’induismo.

Infatti la star originaria delle Barbados ha indossato un ciondolo raffigurante la divintà Ganesh. Un gesto che non è piaciuto, dato che mischiare religione e marketing non è sempre un buon affare.

Rihanna, la reazione furiosa sui social

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da badgalriri (@badgalriri)

E infatti le critiche non sono tardate ad arrivare. Critiche che si sommano a quelle scaturite poche settimane fa, quando la stessa Rihanna aveva sostenuto fortemente le proteste dei coltivatori indiani contro il Governo.

Leggi anche-> Draghi al Senato: “È il governo del paese, non ha bisogno di aggettivi”

C’è chi fa notare come la cantante poteva benissimo informarsi prima di fare questo gesto. E chi invece protesta per l’accostamento tra la sessualità, la religione ed il marketing visto che stava pubblicizzando un proprio prodotto su Instagram. Ma alle polemiche e agli scandali la cantante originaria delle Barbados è ben abituata.

Chi è Ganesh, il dio indossato come ciondolo da Rihanna

La divinità indù Ganesh(Getty Images)

La divinità Ganesh viene raffigurata nel mondo induista con la testa di Elefante con una sola zanna e quattro braccia. Di solito è raffigurato seduto. Secondo la religione indù sarebbe il figlio di Siva e Parvati.

Leggi anche-> Uomini e donne, rissa sfiorata: Maria De Filippi evita il peggio

Importante anche la sua simbologia. Egli sarebbe il “signore del buon auspicio” che dona prosperità e fortuna. Per questo viene invocato dai suoi seguaci in occasioni particolari ed importanti, come colloqui di lavoro oppure cerimonie. E’ associato inoltre all’istinto di conservazione e alla sopravvivenza nonché alla procreazione. Viene celebrato tra la fine di agosto e metà settembre.