Zingaretti: “Renzi ha voluto abbattere il Conte Bis”

Nicola Zingaretti parla dei motivi della fine del Conte Bis. Spiegando come abbia agito il leader di Italia Viva ed ex segretario del PD Matteo Renzi.

Zingaretti
Il segretario del PD Nicola Zingaretti (Getty Images)

Il segretario del PD Nicola Zingaretti torna a parlare del Conte Bis e di Matteo Renzi. Alla trasmissione Cartabianca dice: “Ho parlato con lui moltissimo, ci siamo confrontati su come rilanciare il Conte bis”.

Leggi anche-> Smart working a rischio, Brunetta: “Dipendenti pubblici in ufficio”

Le cose però sono andate per un altro verso. “Lui ha fatto una scelta: abbattere un modello politico e riprendersi la sua libertà. E’ frutto di un chiaro obiettivo politico e strategico. E questo fa parte della battaglia politica“.

Zingaretti e la convivenza nel governo con la Lega

Zingaretti parla poi della scissione avvenuta nel PD: “Renzi ne ha parlato in un’intervista, dicendo che voleva fare come Macron con i socialisti. Io non voglio distruggere un’altra forza politica come lui. Per questo Italia Viva si trova al 2%”.

Il segretario dem parla poi della convivenza nel governo Draghi insieme alla Lega: “Il governo ha una larga maggioranze e questo è un fatto positivo. Se però non risolviamo alcune questioni rischiamo di dividerci su alcuni temi. Rimaniamo comunque alternativi a loro, anche se siamo chiamati in un particolare momento storico a collaborare“.

“Ho cercato io Matteo Salvini”

Zingaretti e Salvini
Matteo Salvini si è confrontato con il segretario dem (Getty Images)

Inevitabile poi che si parli di Salvini: “L’ho cercato io e l’ho visto per la prima volta ieri. Ho voluto chiarire un punto. possiamo collaborare ma è impensabile che due forze possanno annullarsi”. Un chiaro riferimento alle polemiche sulla presenza di due forze contrapposte nel medesimo esecutivo.

Leggi anche-> Quanto guadagna Mario Draghi, nuovo presidente del Consiglio

E aggiunge: “Eviterei di riaprire polemiche ogni giorno. Ha fatto una battuta sull’euro in un momento nel quale i cittadini chiedono serenità. Siamo pronti al compromesso ma ripeto: nessuno deve fare il furbo e pensare di ottenere risultati politici col goveno. Ci batteremo fortemente affinché ciò non avvenga“.