Spadafora: “Senza Ministero Sport nulla come prima”

L’ex Ministro Spadafora commenta sul suo profilo Facebook l’assenza di un dicastero per lo Sport. Il Governo Draghi lo ha rimosso dai piani.

Nessun ministero per lo Sport (Getty Images)

Nel nuovo Governo presieduto da Mario Draghi, manca un Ministero per lo Sport. A commentare l’assenza ci pensa Vincenzo Spadafora, che ha presieduto il dicastero per circa 18 mesi, venendo confermato sia nel Conte 1 che nel Conte-bis.

Il suo pensiero è affidato ad un lungo post su Facebook dove ripercorre questi mesi intensi: “Fui io stesso a chiederne la costituzione. Evidentemente questa maggioranza non ha ritenuto necessario costituirlo.Ora Draghi può delegarlo ad un Sottosegretario o tenere la materia per sé“.

Leggi anche-> Quanto guadagna Mario Draghi, nuovo presidente del Consiglio

Spadafora: “Importante attuare la riforma dello Sport”

L’ex ministro pone poi l’accento su un tema fondamentale. Il prossimo 28 febbraio scadrà la delega per la riforma dello Sport: “Mancano solo 12 giorni. Come sapete è stata approvata in Consiglio dei Ministri, ottenendo il via libera dalle Regioni” prosegue Spadafora.

Manca un ultimo passaggio: “Serve il parere della Commissione Cultura della Camera e del Senato, che a causa della crisi di Governo non si sono espresse. Faccio appello alla buona volontà dei colleghi affinché ciò avvenga. Approvare i decreti non esclude di migliorarli in futuro ma evita di dover ripartire da zero!“.

Leggi Anche-> Governo, chiusi gli impianti sciistici: è Draghi a prendere la dura decisione

La questione ristori rimane sul tavolo

L’ex Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora(Getty Images)

Sul capitolo ristori dice: “Dovrà occuparsene chi riceverà la delega. Sia chiaro a tutti che nulla sarà come prima. Bisogna soprattutto capire quale sarà l’indirizzo dell’esecutivo, vista l’assenza di un Ministero ad Hoc“.

Spadafora però assicura: “Anche se si dovesse lavorare dall’esterno, io ci sarò. Il mio sostegno al mondo dello Sport rimane forte e combatterò insieme a voi per i vostri diritti”. Un chiaro messaggio a quanti in questi mesi si trovano in difficoltà, con una pandemia che non ha risparmiato neanche i settori agoniscitici.