Astra Zeneca, possibile somministrazione fino ai 65 anni

Il vaccino prodotto da Astra Zeneca è attualmente prescritto agli under 55. Si attendono ulteriori informazioni per ulteriori somministrazioni.

Vaccino Astra Zeneca
Il vaccino Astra Zeneca esteso anche agli over 55 (Getty Images)

Potrebbero esserci importanti novità per il vaccino di Astra Zeneca. In una riunione tenutasi oggi tra Ministero della Salute, Aifa, Agenas e rappresentanti delle Regioni emerge la volontà di ampliare la platea dei beneficiari del vaccino.

Al momento è prescritto solo per gli under 55. Ma la stessa Aifa nel parere con il quale approvava il vaccino scriveva che “il rapporto beneficio/rischio di tale vaccino risulta favorevole anche nei soggetti di età più avanzata che non presentino specifici fattori di rischio“.

Leggi anche -> Scuola Campania, vaccini anche per gli over 55: i dettagli

Astra Zeneca, riunione del CTS di Aifa decisiva

Il Ministero è sulla stessa lunghezza d’onda dell’Aifa e si è detto pronto ad effettuare “ogni indagine scientifica per poter capire se sussiste la possiblità di ampliare il limite dell’eta“. Un segnale di una viva e serrata lotta al coronavirus, che passa necessariamente per la campagna vaccinale.

Nei prossimi giorni ci sarà una riunione del Comitato Tecnico Scientifico dell’Agenzia del Farmaco. Dalla stessa è possbile che scatti il via libera per l’innalzamento delle dosi fino a coloro che hanno 65 anni di età, rimuovendo quindi l’attuale limite.

Leggi anche-> Coronavirus, il bollettino di oggi 16 febbraio

Con il via libera del ministro potranno agire anche le Regioni

Ma non basta perché a suggellare il tutto sarà necessario un provvedimento dello stesso ministro. Probabile che si limiti ad emettere una circolare, con la quale si possano accelerare le pratiche per la distribuzione e l’inoculazione.

Con il semaforo verde dal Governo sarà poi possibile agire anche per le Regioni. Le quali si concentreranno prima sui docenti e sulle forze dell’ordine, per arrivare sempre più vicino alle soglie dell’età pensionabile. In tal modo verranno azzerate le disparità di trattamento prima esistenti.