Napoli, effetto San Valentino: lungomare preso d’assalto!

Napoli, la folla di San Valentino occupa il lungomare. Ristoranti pieni e traffico bloccato nel centro città, nonostante le norme anti Covid.

Napoli San Valentino
Napoli (Getty Images)

Nel giorno di San Valentino le strade di Napoli si sono riempite di una folla di innamorati. Quasi come se il Covid non esistesse, il lungomare è stato preso d’assalto, i ristoranti hanno registrato il tutto esaurito ed il traffico in centro era completamente paralizzato. L’effetto San Valentino ha trasformato una parte di città in una grande zona di movida.

Questa mattina erano in tantissimi a passeggiare sul lungomare, soprattutto coppie di giovani. Vicino al mare il vento gelido sferzava, ma il sole partenopeo aiutava a sopportare le temperature più basse del solito. Molti indossavano correttamente la mascherina – scrive l’agenzia Ansa – ma tanti altri no. I ristoranti della zona erano pieni, alcuni hanno deciso anche di organizzare l’orario del pranzo in due turni per accogliere un maggior numero di clienti.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Campania, il bollettino di oggi 14 febbraio

Napoli, effetto San Valentino: lungomare bloccato dalla folla

Napoli San Valentino
Napoli e il Vesuvio (Getty Images)

Non soltanto la folla sul lungomare. Ciò che più colpisce (in negativo) è il traffico paralizzato all’ora di pranzo in centro. Un’ora e mezza per percorrere il tratto di strada che porta da Piazza Carlo III e Piazza Borsa. Lunghe code di automobili a via Foria, in entrambi i sensi di marcia.

LEGGI ANCHE –> Carnevale, la ricetta delle chiacchiere

Disagi anche in altre zone della città, dove i cantieri hanno causato un ulteriore peggioramento della circolazione delle auto. Nel quartiere collinare del Vomero stamattina era impossibile trovare un tavolino di un bar disponibile. Dalla colazione all’aperitivo, tutto esaurito. In strada non solo giovani, ma anche famiglie che non rinunciano alla tradizionale passeggiata della domenica. A via Scarlatti, nell’isola pedonale, bambini in maschera festeggiavano già il Carnevale, giocando con i coriandoli.