Vaccino AstraZeneca, l’azienda rilancia: “Sarà testato sui bambini”

Da Oxford il responsabile del Vaccino AstraZeneca è pronto a testare il farmaco sui bambini. Saranno scelti pazienti volontari dai 6 ai 17 anni.

Vaccino AstraZeneca
Il farmaco prodotto tra Oxford e Pomezia sarà testato sui bambini (Getty Images)

Grandissima novità per il vaccino di AstraZeneca, con il farmaco che sarà ufficialmente testato sulla parte più giovane della società. Infatti l’azienda ha deciso di reclutare 300 minori di età compresa tra i sei e i 17 anni. Ad annunciarlo ci ha pensato direttore dell’Oxford Vaccine Group e pediatra, Andrew Pollard. Infatti dinanzi alla stampa lo stesso Pollard ha espresso il motivo per cui partirà la sperimentazione.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccinazioni over 80 sospese in Irpinia causa maltempo: cosa succede

Infatti il direttore britannico ha affermato: “Mentre la maggior parte dei bambini e dei ragazzi è colpita solo relativamente dal Covid ed è improbabile che si ammali, è importante stabilire la sicurezza e la risposta immunitaria del vaccino per i bambini e giovani, dato che alcuni di loro potrebbero trarre beneficio dalla vaccinazione“. Inoltre stando alle tempistiche della casa farmaceutica, la sperimentazione dovrebbe partire al termine di questo mese.

Vaccino AstraZeneca, a fine mese la sperimentazione sui minori: cosa cambia

Vaccino astrazeneca
Due dosi del siero britannico (Getty Images)

AstraZeneca potrebbe così portare una novità nel processo di immunizzazione di massa. Inoltre stesso nella giornata di ieri, l’azienda ha ricordato di non aver avuto alcun contatto per la vendita al settore privato. Per quest il direttore Andrew Pollard ha avvertito la popolazione mondiale affermando che se nel privato si parla di vaccino, con molte probabilità il farmaco sarà contraffatto. Questi farmaci, poi, dovranno essere segnalati alle autorità competenti.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Meteo, bufere di neve in Italia: Burian colpisce anche a bassa quota

L’azienda anglo-svedese ha poi ribadito il suo impegno a supportare un accesso al vaccino ampio, equo e senza profitto per tutta la durata della pandemia. Un’affermazione incoraggiante, con AstraZeneca che si dice pronta a rispettare tutti gli accordi con i governi mondiali ed europei. Inoltre se la stessa azienda verificherà attività illegali sarà la prima a fare ricorso ai propri legali.

Il primo provvedimento è arrivato proprio in Italia, dove AstraZeneca ha avvertito i carabinieri dei Nas per denunciare ogni tentativo di assicurare forniture al di fuori dei canali governativi ufficiali. L’azione dell’Azienda è necessaria soprattutto per tutelare la propria immagine. Infatti i principali di AstraZeneca sono pronti a ricorrere a vie legali, nel caso in cui il nome dell’azienda sia associata ad azioni criminali.