Caserta, incendio in una baraccopoli di migranti: un morto

Provincia di Caserta, incendio in una baraccopoli di migranti a Parete. Le fiamme tolgono la vita ad un uomo, lavorava come bracciante.

Caserta
(Getty Images)

Nella tarda serata di ieri è scoppiato un incendio in una baraccopoli abitata da da extracomunitari a Parete, in provincia di Caserta. I vigili del fuoco, intervenuti per domare le fiamme, hanno ritrovato un corpo senza vita, carbonizzato. Alcuni testimoni – scrive l’Ansa – hanno spiegato ai vigili del fuoco che il campo era abitato da migranti che prestavano servizio come braccianti per lavori agricoli. Le fiamme dell’incendio hanno interessato diverse baracche.

LEGGI ANCHE –> Il meteo di oggi: neve in Campania!

Caserta, incendio in baraccopoli migranti

Caserta
(Getty Images)

Non sono state comunicate le cause dell’incendio, c’è chi pensa che le fiamme possano aver avuto origine dalla brace prodotta con caminetti improvvisati. Un modo per i migranti di provare a riscaldarsi in questi giorni (e in queste notti di grande freddo).

LEGGI ANCHE –> Covid, De Luca tuona: “La Campania lotta per le dosi di vaccino”


Proprio per contrastare il gelo che sta colpendo anche la Campania, a Napoli continua ad essere attivo il piano ‘anti-freddo’. Le stazioni della metropolitana Museo, Municipio e Vanvitelli resteranno aperte dalle ore 23,00 alle ore 05,00 con la possibilità di utilizzare i servizi igienici presenti all’interno delle stazioni. In questo modo i senza fissa dimora potranno trovare riparo nelle ore più fredde. Quotidianamente gli ambienti saranno sanificati secondo i protocolli vigenti per garantire un utilizzo sicuro delle stazioni a tutti.