Capodanno cinese, cos’è e perché si festeggia oggi

Capodanno cinese, oggi si chiude l’anno del topo e inizia quello del bufalo. Qual è l’antica tradizione e a cosa è legato

Capodanno cinese
Getty Images

Oggi, 12 febbraio, è il Capodanno cinese che pone fine all’anno del topo e dà inizio a quel del bufalo. Come la Pasqua per i cristiani non ha mai una cadenza fissa perché dipende dal ciclo lunare. Di certo c’è solo che si festeggia nel mese che va dal 21 gennaio al 20 febbraio. È questo il periodo perché coincide con il la seconda luna nuova dopo il solstizio d’inverno di dicembre.

Secondo la tradizione cinese, al Capodanno è legata la tradizione dei segni zodiacali e a ognuno di loro è legato un animale. Chi nasce sotto il segno del bufalo è determinato, diligenti, patriottico, tradizionalista e amorevole con la famiglia. Come gli uomini di questo segno sono fedeli alla patria e al lavoro, le donne lo sono con i mariti e i figli.

Di antichissima tradizione, oggi non è più in vigore ma è comunque una cesura molto sentita. Dal 1912 in Cina hanno adottato il calendario “commerciale” occidentale (quello di Papa Gregorio) ma ogni anno non solo si festeggia con un grande evento ma si bada molto alle credenze attorno ad essa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Chick Corea è morto: lutto nel mondo della musica

Capodanno cinese, la tradizione del drago Nian

Capodanno cina
Getty Images

Segni zodiacali, cicli della luna e dunque natura: il Capodanno cinese è festa anche perché si appresta la primavera e segna la fine della stagione invernale e secondo la filosofia c’è anche il legame tra i nati in un certo periodo con i cinque elementi della terra. Legno, acqua, terra, metallo e fuoco influenzano il carattere e la personalità.

Se nelle sfilate si vedono carri di draghi è perché c’è il mito di Nian, il drago con la testa di leone che mangia bestiame e bambini. La sua sconfitta viene quindi celebrata con l’inizio di un nuovo periodo con tanti di fuochi d’artificio perché Nian pur se sanguinario è spaventato dal colore rosso e dal rumore dei fuochi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino Regione di oggi 11 febbraio

La festa dura ben sedici giorni e come in occidente è occasione per rivedere amici e parenti. Ci sono anche delle superstizioni legate a questo periodo. Si sconsiglia di pulire casa per non scacciare gli spiriti benigni e non tagliare i capelli perché potrebbero seguire sventure.