Rai contro Mediaset, si andrà in tribunale: la tv pubblica prepara le cause

E’ guerra tra Rai e Mediaset, con la televisione pubblica che si schiera contro il biscione. Si preparano le cause e la faccenda finirà in tribunale.

Rai Contro Mediaset
La Rai si schiera contro i servizi di Mediaset, si andrà in tribunale (Getty Images)

E’ ancora Rai contro Mediaset, con la tv pubblica che sta preparando tutte le carte per portare in tribunale il Biscione a causa dei servizi di Striscia la Notizia. Nello spazio dell’inviato “Pinuccio”, infatti, è partita un’inchiesta sulle “spese pazze” delle sedi estere del servizio pubblico. Nel servizio, proprio l’inviato punta il dito sulle presunte spese assurde dell’emittente pubblica a New York.

POTREBBE INTERESSARTI >>> De Luca prepara la stangata nel weekend: “Servono misure straordinarie”

Le affermazioni di “Pinuccio” infatti non rispecchiano il vero, così la Rai ha ritenuto necessario ricorrere alle sedi legali. Proprio gli avvocati dell’emittente, in queste ore stanno preparando le carte per ricorrere al Tribunale. Un’azione, quella dell’emittente pubblica, in perfetta linea con quanto dichiarato da Striscia la Notizia, che ha chiesto di smettere con questo silenzio giudicato “riprorevole“. Adesso quindi la Rai si fa sentire ed è pronta a punire Striscia e l’intera Mediaset.

Rai contro Mediaset, i legali preparano le carte: richieste di smentita

Rai contro Mediaset
La sede dell’emittente pubblica in viale Mazzini (Screenshot)

La notizia della causa della Rai nei confronti di Mediaset è esplosa questa mattina. Infatti stando a quanto riportato da voci di corridoio in una mail inviata dal fiduciario dei corrispondenti, in accordo con l’Usigrai, la Rai chiede all’azienda di smentire le notizie senza fondamento. Infatti il servizio andrebbe a minare anche l’immagine dei dipendenti e dell’emittente pubblica in tutte le sedi.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Asse Mediano, in fuga contromano: c’è un morto

Così nel caso non arrivino smentite dal Biscione, la Rai è pronta a farlo ricorrendo alle opportune sedi legali. Nella missiva si legge: “Se il silenzio dei vertici aziendali dovesse proseguire i corrispondenti valuteranno ulteriori passi anche legali per ottenere il rispetto dei propri diritti“. Intanto già l’inviato Rai a New York, Claudio Pagliara, su Twitter ha annunciato di aver già contattato i propri avvocati. Inoltre il corrispondente ha puntato il dito sia contro l’inviato Pinuccio che contro la trasmissione Striscia la Notizia.