Coronavirus, il bollettino di oggi 11 febbraio

Coronavirus Italia, il bollettino di oggi 11 febbraio: contagi, positivi, guariti e morti a livello nazionale nelle ultime 24 ore.

bollettino coronavirus 11 febbraioCoronavirus, la situazione in Italia e in Europa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) riferisce che da quattro settimane i contagi nel Continente sono calati, ma resta l’allarme varianti. Le nuove forme del virus potrebbero inficiare anche la risposta immunitaria del vaccino, ma le case produttrici studiano già eventuali richiami per proteggere la popolazione dall’evoluzione del coronavirus. Il professore Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute Speranza, ha anticipato: “A marzo rischiamo un’esplosione di contagi a causa delle varianti. Non monitoriamo in maniera adeguata le mutazioni del virus, non sappiamo esattamente dove e come si stanno diffondendo”.

LEGGI ANCHE –> Cos’è il nuovo Ministero per la Transizione Ecologica

Oggi in conferenza le Regioni hanno incontrato il commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri. La prima richiesta avanzata dalle Regioni al Governo è stata quella di prorogare lo stop allo spostamento tra diverse regioni, anche gialle. In questo modo Regioni a minor indice di contagio non rischiano focolai portati dall’esterno. In seguito, richiesto un cambio nell’organizzazione della distribuzione dei vaccini. Che i vaccini siano consegnati in base al numero di abitanti di ciascuna Regione.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il bollettino dalle Regioni

Bollettino coronavirus 11 febbraio

bollettino coronavirus oggi
Bollettino coronavirus oggi: la situazione Covid in Italia.

Il bollettino di oggi:15.146 contagi, 391 morti, 19.838 guariti. 292.533 tamponi effettuati nelle ultime ventiquattro ore, tasso di positività al 5,2% (+1,0%).

-2 terapie intensive | -338 ricoveri


Il Covid-19 ha tolto a molti malati la possibilità di aver vicino i propri cari nei momenti più difficili. Il Ministero della Salute nella giornata mondiale del malato ha ringraziato medici, infermieri e tutti gli operatori che si stanno facendo carico in questi mesi di dare conforto e sostegno ai pazienti.